lunedì 22 Luglio 2024
spot_img

De Monaco intitola una rotonda ad Almirante: ira di Moscardelli, dubbi da Zaccheo e Di Giorgi

di Redazione – La Provincia ha deciso: la rotonda al centro di Borgo Sabotino sarà intitolata a Giorgio Almirante. La questione su una strada da dedicare allo storico leader del MSI sta andando avanti già da molto tempo. Dall’amministrazione Finestra, passando per quella di Zaccheo fino all’odierna di Di Giorgi ognuna si è imbattuta nelle polemiche legate all’assegnazione del nome di Almirante a una strada. Anche recentemente nel consiglio comunale di Latina era stata presentata una proposta simile dai consiglieri Bruni e Chiarato, provocando l’indignazione di Anpi e PD. Ora Salvatore De Monaco, presidente facente funzioni della Provincia di Latina, ha reso nota la sua decisione: “Almirante è stato un grande uomo politico, anticipatore di un linguaggio ancora attuale – ha spiegato De Monaco – Peraltro l’ex segretario dell’MSI è stato legatissimo a questa nostra terra”.

Dal PD arriva la replica direttamente dai vertici del partito: “Il 25 luglio il Gran Consiglio del fascismo sfiduciava Mussolini che veniva fatto arrestare dal Re. Liberato dai nazisti formava lo Stato fantoccio della R.S.I. Nota come Repubblica di Salò che avrebbe procurato all’Italia due anni di tragedie e di orrore al servizio di Hitler tradendo l’Italia. – ha scritto il senatore Claudio Moscardelli sul suo profilo Facebook – A Latina ricordiamo questa data intitolando una rotonda ad Almirante. Non di sentiva il bisogno di questa retorica di nostalgismo fascista!”

Ma non appaiono entusiasti neppure l’ex sindaco Vincenzo Zaccheo e l’attuale primo cittadino, Giovanni Di Giorgi. Zaccheo apprezza la scelta di De Monaco ma esprime dubbi per la circostanza: la decisione andava presa da un consiglio provinciale nel pieno delle sue funzioni e avrebbe meritato un più ampio dibattito e una più larga condivisione. Ma poi: “. Ben venga l’intitolazione di una piazza o un luogo della nostra Latina ad Almirante e ad altri personaggi politici, anche di sinistra, del suo calibro che non hanno ancora avuto questo riconoscimento. – ha dichiarato l’ex sindaco – Ben venga per una questione di pacificazione con una storia ormai passata e con un uomo che non ha mai predicato la violenza”. Anche Di Giorgi apprezza l’iniziativa della provincia ma ne contesta i modi: per l’attuale sindaco una decisione del genere andava approvata dal Consiglio Comunale, nel quale già se ne stava discutendo. Anche nelle parole di Di Giorgi ricorre il tema della pacificazione politica: “io stesso penso sarebbe giusto intitolare una strada proprio con questo obiettivo, proprio per dare un segnale ai giovani, a ricordo di tutte le parti politiche che hanno animato il dibattito dal dopo guerra ad oggi”, ha dichiarato l’attuale sindaco.

VIA ALMIRANTE A LATINA, CIOÈ COME NASCONDERSI DIETRO UN DITO

VIA ALMIRANTE A LATINA È ORMAI UN CASO, LA CONTROREPLICA DI PD E ANPI

VIA ALMIRANTE A LATINA, STORACE: “SAREBBE SEGNALE POSITIVO. ZINGARETTI INCORAGGI LA DECISIONE”

PERCHÉ UNA VIA ALMIRANTE? LE MOTIVAZIONI LE HA DATE IL PRESIDENTE NAPOLITANO

VIA GIORGIO ALMIRANTE, IL PD E L’ANPI DI LATINA CONTRO LA MOZIONE DI BRUNI E CHIARATO

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img