mercoledì 6 Luglio 2022

Un open day per le Carte d’Identità, la proposta di Latina nel Cuore e FDI

Troppi ritardi e rallentamenti nel ritiro della Carta d’Identità al comune di Latina. Arriva la proposta da Latina nel Cuore e Fratelli d’Italia di “un Open Day mensile per le Carte dIdentità, Autentica delle firme ed Atti notori”.

“Una proposta per contrastare il ‘turismo anagrafico’ verso altri comuni – riferiscono il consigliere Dino Iavarone, capogruppo di “Latina nel Cuoree il consigliere Andrea Chiarato di Fratelli d’Italia – I tempi di attesa per avere i certificati anagrafici e le carte di identità nel nostro comune sono molto lunghi, per non parlare di servizi importanti come lautentica delle firme e gli Atti di notorietà.

I cittadini, nellimpossibilità di vedersi erogati servizi fondamentali da parte dellamministrazione Comunale – compresa l’impossibilità di celebrare i matrimoni in un luogo diverso rispetto ai non esaltanti uffici di Via Ezio 36 – sono costretti ad andare presso comuni limitrofi alla nostra città. Ogni cittadino che si è rivolto agli uffici di via Ezio ed a quelli decentrati per ottenere la nuova carta didentità e le altre necessità succitate, ha incontrato difficoltà esasperanti.

Ci permettiamo di lanciare una proposta al Sindaco Coletta e allAssessore Laura Pazienti: seguite lesempio del comune di Roma, istituendo almeno un Open Day degli uffici anagrafici. Così facendo si darebbe una risposta, concreta ed immediata, alle esigenze di tanti nostri concittadini.

Lo abbiamo detto più volte su molti importanti capitoli dellAmministrazione Coletta: a mancare è la programmazione, il senso dellorganizzazione della macchina amministrativa. Il Sindaco Coletta, nel corso del primo Consiglio Comunale sulle linee programmatiche, aveva invocato una collaborazione fra tutte le forze politiche, così da fronteggiare un periodo storico e sociale assai complesso.

A distanza di quasi un anno di governo, constatiamo che quelle di Coletta erano soltanto parole al vento piene di retorica. Un Comune che non è in grado di rilasciare le carte didentità ai suoi concittadini, o magari costringe persone anziane e non benestanti, a recarsi da un Notaio per un atto di notorietà, come può avere una visione strategica della città di Latina? Non vigliamo mica la luna, per citare una vecchia canzonetta. Ci accontenteremmo che vi fosse una buona ed efficiente ordinaria amministrazione.

CORRELATI

spot_img
spot_img