lunedì 26 Settembre 2022

Traporto pubblico e raccolta rifiuti, gare e servizi di Latina in mano al Tar

Due gare e altrettanti ricorsi al Tar rischiano di complicare la vita all’amministrazione comunale nella gestione di due importanti servizi, trasporto e rifiuti.

Sia per la gara per l’assegnazione del servizio di trasporto pubblico locale, sia per quella annullata per la raccolta rifiuti e igiene urbana, è chiamato ad esprimersi il Tribunale Amministrativo Regionale (sezione di Latina) il prossimo 9 novembre.

Nello specifico, per quel che riguarda il TPL, il ricorso lo ha presentato l’Atral, cioè la società che gestisce ora il trasporto pubblico a Latina, e va avanti di proroga in proroga ormai da anni. Atral chiede l’annullamento del bando di gara da 23 milioni di euro che affida il servizio per sei anni. Sullo stesso bando potrebbe presto partire anche un’indagine della magistratura, in forza della denuncia presentata dall’ex dirigente Aldo Doria in Procura. Quello che Doria lamenta è che in sede di redazione del PEG (Piano esecutivo di gestione), il tempo stabilito dall’amministrazione per l’espletamento della gara era stato anticipato da dicembre 2017 a giugno 2017, un tempo che per il dirigente era impossibile. Del resto la gara è stata pubblicata solo a maggio, impossibile assegnare il servizio in un mese

L’altro ricorso è quello presentato da De Viziatransfer e che chiede l’annullamento della delibera del Consiglio Comunale di Latina che ha portato alla costituzione dell’azienda speciale per la gestione del servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana. De Vizia chiede anche l’annullamento dello Statuto, dell’Atto Costitutivo, della relazione ex Articolo 34, della variazione al bilancio di previsione d di tutti gli allegati che hanno portato alla costituzione dell’azienda speciale ABC. De Vizia era una delle due aziende che aveva presentato la sua offerta per la gara di esternalizzazione del servizio indetta dal Commissario Giacomo Barbato. La gara era stata poi sospesa ad agosto 2016 per essere annullata solo a luglio 2017. Questo annullamento è tutt’ora oggetto di dubbi di procedure, perché è stata annullata la gara dall’Ufficio Gare, mentre è ancora in piedi la determina a contrarre dell’Ufficio Ambiente. Come se i dirigenti che si sono succeduti non avessero mai voluto procedere a firmare l’annullamento. Se ne è discusso nella commissione trasparenza di giovedì 2 novembre, quando il segretario generale Rosa Iovinella ha detto che l’annullamento disposto dalla dirigente Ventriglia è sufficiente ad invalidare la gara. Rimane da capire il contenuto di comunicazioni intercorse tra l’ufficio gara e l’ufficio ambiente che potrebbero accendere una luce sul perché la determina a contrarre sia rimasta in piedi.

Ad ogni modo, sia sui trasporti che sui rifiuti, sarà la giustizia amministrativa a imprimere una svolta a entrambe le vicende.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo è parte della redazione di LatinaQuotidiano dal 2014. Qui ha alimentato la sua passione per il giornalismo, l'informazione e il web. Nei suoi studi figurano una laurea in Editoria Multimediale e Nuove Professioni dell'Informazione e un master in Web & Social Media Marketing.

CORRELATI

spot_img
spot_img