giovedì 29 Settembre 2022

PSR, inizia da Fondi il tour di Forza Italia per spiegare opportunità e ricadute sul territorio

Inizia da Fondi il tour di Forza Italia per illustrare le potenzialità contenute nel nuovo Piano di sviluppo rurale in base alle peculiarità dei singoli territori. L’incontro, dal titolo “PSR Lazio 2014 – 2020, opportunità e ricadute per il territorio”, vedrà la partecipazione dei consiglieri regionali, Pino Simone, Antonello Auigemma, Mario Abbruzzese e Adriano Palozzi.

“La decisione di partire da Fondi e dalla provincia di Latina non è casuale – spiega Pino Simeone -. Latina è al primo posto nella regione Lazio e al dodicesimo nel ranking nazionale per importo del PIL generato dal settore primario. Secondo l’ultimo censimento effettuato in agricoltura, Latina è al primo posto nel Lazio per valore delle esportazioni, sia nel campo delle materie prime agricole che in quello dei prodotti trasformati. Le esportazioni di sole materie prime agricole ammontano a 140 milioni di euro, valore che colloca Latina al tredicesimo posto nella graduatoria delle provincie italiane. Il 21% dei titolari di imprese agricole è composta da giovani la cui età risulta inferiore a 40 anni, contro il 17% del valore medio regionale. La provincia di Latina rappresenta da sola il 50% della superfice agricola utilizzata della coltivazione orticola regionale e il 20% delle coltivazioni di frutta, con un grado di copertura che arriva al 75% nel caso del kiwi. In questa provincia è nato e si è sviluppato il Mof, il Mercato ortofrutticolo di Fondi, che da oltre trenta anni è il fulcro della filiera agroalimentare di eccellenza in Italia e in Europa. Tutti fattori che non possono e non devono passare in secondo piano.”

“Si tratta – continua il consigliere forzista – di un modo per dare risposta concreta alle tantissime richieste di chiarimenti che ogni giorno riceviamo da parte del mondo produttivo. In questi anni in cui la crisi ha preso il sopravvento, l’agricoltura è stata l’unica a mantenere stabili i livelli di occupazione assorbendo, non senza incredibili sforzi, i contraccolpi di una recessione che ha messo in ginocchio l’economia”.

L’appuntamento è per domani 29 gennaio 2016, alle 17.30, nella Sala Lizzani del Chiostro di San Domenico.

CORRELATI

spot_img
spot_img