di Redazione – Manca il numero legale e il Consiglio Comunale programmato per discutere della Ztl è finito ancora prima di iniziare. Dopo la presentazione del progetto avvenuta lunedì in grande stile a Piazza del Popolo, con un Di Giorgi perfetto padrone di casa, l’esito di oggi non era affatto prevedibile. La maggioranza avrebbe dovuto presentare all’opposizione il progetto per la Ztl approvato per ora solo dalla giunta. Ma molti degli stessi esponenti della maggioranza erano assenti. Alla fine, stando a quanto scrive Alessandro Cozzolino sulla sua bacheca Facebook, anche in Commissione Urbanistica i membri della maggioranza erano 3 contro i 5 dell’opposizione. “La maggioranza per non finire sotto nelle votazioni abbandona e fa mancare il numero. Non sono alla frutta. Sono all’ammazzacaffè.”, questo il commento del capogruppo del PD sul social network.

ZTL IN CENTRO, ECCO COME CAMBIA LATINA DAL 1° SETTEMBRE – FOTO E MAPPA

In un post condiviso sulla bacheca di Giorgio De Marchis si legge invece: “Forse la vera volontà è far passare tutto solo ed esclusivamente in Giunta, per avere maggiori spazi di manovra e non dover dar conto a nessuno. Altro che partecipazione e condivisione!!!”. Questa ipotesi è successivamente avvalorata dalle parole del capogruppo del PD, Alessandro Cozzolino, che in una nota ha spiegato come il Consiglio Comunale di oggi non era chiamato a decidere nulla perché tutte le decisioni erano già state prese dalla Giunta. “La maggioranza aveva programmato questo consiglio comunale come ennesima passerella spot per il progetto di Isola Pedonale. Uno spot non riuscito perché gli stessi consiglieri di maggioranza non si sono presentati, non garantendo il numero legale”, ha scritto Alessandro Cozzolino. Nella stessa nota Cozzolino chiede che il PD non sia accusato di irresponsabilità in quanto non è mai stato effettivamente coinvolto nelle decisioni sulla Ztl. I veri irresponsabili, stando alle parole del capogruppo, sono gli esponenti stessi della maggioranza che hanno fatto mancare il numero legale sia nel Consiglio Comunale che nella Commissione Urbanistica successiva. “Condividere un progetto vuol dire avere uno scambio di opinione e non spiegare all’opposizione la decisone già presa e già presentata al pubblico in Piazza del Popolo lunedì scorso.”

In conclusione Alessandro Cozzolino ribadisce quanto già detto alcuni giorni fa: il PD non è contrario all’isola pedonale. “Ma siamo contrari a queste prese in giro. – scrive Cozzolino – Una maggioranza che prima presenta il progetto il piazza e poi non ha i numeri per presentarlo in consiglio comunale vuol dire che non può più governare questa città.”. Il partito rimane disponibile al confronto e pronto a presentare le sue proposte per migliorare la Ztl ma non è disposto a quelle che Cozzolino chiama “passerelle spot”. “Un consiglio comunale senza poter votare nulla in merito (come lo era quello di questa mattina) non può considerarsi un confronto ma una vetrina in cui specchiarsi. Noi, del Partito Democratico, non ci prestiamo a questi giochetti e lo abbiamo ribadito anche in questa occasione”.