Dopo anni di rinvii, di attese deluse e di annunci mancati per la Regione Lazio è arrivata l’uscita dal commissariamento.

L’ok è arrivato dalla Conferenza Stato-Regioni convocata per questa mattina.

“L’uscita dal commissariamento del Lazio – spiega D’Amato – è il risultato della più grande azione riformatrice nel nostro Paese di un sistema sanitario regionale. Abbiamo dimostrato che si possono mantenere i conti in ordine senza effettuare tagli, ma aumentando l’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea)”.

Dopo dieci anni di tagli, rinunce, e blocco del turn over si torna quindi alla gestione ordinaria del settore.

Peccato che resteranno i vincoli imposti dal piano di rientro.

Le criticità da risolvere sono tante, anzi, tantissime e se non si procederà con una gestione oculata e una programmazione mirata il rischio è solo un nuovo tracollo.

Il servizio sanitario regionale era stato commissariato l’11 luglio del 2008 per il più grande debito italiano e un disavanzo annuale che ammontava a circa 2 miliardi.

“Ringrazio la struttura tecnica del Mef e del ministero della salute senza la quale non sarebbe stato possibile questo risultato. Quando siamo arrivati in Regione il disavanzo era ancora di circa 700 milioni di euro con l’erogazione dei Lea inadempienti. Oggi, grazie all’azione della maggioranza del presidente Zingaretti, per la prima volta si è chiuso in attivo il consuntivo e i punteggi Lea – continua D’Amato – sono di 30 punti sopra la soglia di adempienza”.

Critica l’opposizione che ricorda a Zingaretti e all’ssessore regionale come questa risultato sia stato raggiunto, sul piano finanziario, solo grazie ai grandi sacrifici a cui il personale e i pazienti sono stati e sono tutt’ora sottoposti.

“Ora occorre andare avanti – conclude D’Amato – mai più il baratro del passato. Si proseguirà nell’attuazione del piano di riqualificazione che rappresenterà per i prossimi due anni l’atto di programmazione sanitaria regionale. Si chiude così una stagione buia.
Il sistema sanitario del Lazio ha riacquistato credibilità e un ringraziamento va a tutti i professionisti e gli operatori sanitari che mai hanno fatto mancare l’assistenza. La chiusura della stagione commissariale è un segnale importante per tutto il sistema delle Regioni che hanno contribuito alla stesura del nuovo Patto per la salute”.

Soddisfazione da parte del consigliere regionale del Pd, Salvatore La Penna: “Oggi, dopo 11 lunghi anni, il Lazio esce fuori dalla fase di commissariamento straordinario della Sanità. Questo traguardo è il frutto del lavoro duro, difficile e rigoroso degli ultimi anni della Giunta Zingaretti. Dopo una stagione di sacrifici per utenti ed operatori è già da qualche tempo iniziata una nuova fase di investimenti su strutture, servizi e personale. Da oggi si continua il lavoro con ancora maggior forza e determinazione per la provincia di Latina e per tutto il territorio regionale”.