venerdì 27 Maggio 2022

L’ex sindaco di Formia Paola Villa: “Le mie proposte per i tamponi agli studenti”

E’ la consigliera comunale di Formia Paola Villa ad avanzare una serie di proposte per evitare o ridurre i costi eccessivi, sostenuti dalle famiglie, ogni volta che c’è un positivo in una classe del Comune. Una situazione purtroppo frequente.

“Con un positivo in classe – fa sapere la consigliera – scatta l’auto-sorveglianza, i ragazzi, compagni di classe del positivo, effettuano un tampone T0 (cioè a tempo zero, da fare significa il prima possibile) che costa €8.00 (per i ragazzi tra i 12 e i 18 anni) addirittura €15.00 per i bambini fino agli 11 anni. Poi dopo cinque giorni effettuano un secondo tampone, spendendo di nuovo la stessa cifra. I tamponi gratuiti si possono fare solo al drive in dell’Ospedale di Gaeta che, per l’eccesso di prenotazioni non può garantire il servizio a tutti.

L’aspetto più importante è che senza tampone non si può rientrare a scuola- spiega la consigliera – per questo propongo di Istituire da parte della Asl un secondo drive-in, sul territorio del comune di Formia, visto l’elevato numero di scuole di diverso ordine e grado, è conseguentemente di ragazzi tra i 3-17 anni,  così da abbassare i tempi di attesa per l’esecuzione dei tamponi.

E propongo – aggiunge – che gli istituti scolastici stipulino, anche con la mediazione del Comune, con alcune farmacie del territorio una Convenzione ad hoc, che preveda l’esclusiva dei tamponi e la riduzione dei costi. A partire dalla farmacia comunale. Rientrare a scuola – chiosa la consigliera – non può diventare una questione di soldi, coscienza o fortuna e il diritto all’Istruzione non può essere subordinato ad un fattore economico”.

CORRELATI

spot_img
spot_img