Comune Terracina
Comune di Terracina

La via Francigena del Sud al centro del dibattito.

Tutto è scaturito dall’allarme lanciato dal Wwf con una nota indirizzata al sindaco di Terracina Roberta Tintari e all’assessore al turismo Barbara Cerilli.

Il nodo secondo il Wwf stava nel tratto della cava interessato dalla presenza di un rischio idrogeologico di livello 4 R e dal fatto che il tratto a valle, rappresentato dall’attuale Appia che da Torre del Pesce arriva a Monte San Biagio, sarebbe pericoloso per i camminatori.

Il Comune di Terracina, infatti, ha da tempo inviato il progetto di messa in sicurezza del percorso francigeno nel territorio di competenza.

“Leggiamo con stupore – interviene il vicesindaco facente funzioni Roberta Tintari – la nota con cui il WWF esprime preoccupazione circa un presunto rischio di eliminazione ufficiale dal cammino europeo del tratto terracinese della Via Francigena del Sud. Ci siamo inoltre subito attivati rispetto agli ultimi rilievi della Regione ed abbiamo in corso incontri per la certificazione”.

Martedì 8 ottobre l’amministrazione ha effettuato un incontro con un rappresentante del Gruppo dei Dodici e Roberto Battista, funzionario dell’Agenzia regionale del turismo.

“Battista ci ha confermato che per la Regione è fondamentale la tappa di Terracina e che stanno approntando tutto affinchè si realizzi la messa in sicurezza. Già questa mattina – continua la Tintari – abbiamo avuto una nota di riscontro dell’Agenzia regionale che ringraziamo per la solerzia”.

“Sia il presidente del Gruppo dei Dodici Giancarlo Forte, sia il segretario amministrativo Gerardo Venezia, con i quali sono in frequente contatto, mi hanno espresso – interviene l’assessore alla cultura, Barbara Cerilli – meraviglia riguardo l’allarme lanciato del WWF ribadendo che il loro pensiero è difforme dalla nota dell’associazione ambientalista. Desidero tranquillizzare tutti che abbiamo assunto da tempo tutte le iniziative necessarie a inserire l’intero percorso presente nel territorio di Terracina nel cammino europeo della Via Francigena, confortata anche dal sostegno ricevuto da Regione e Gruppo dei Dodici che confermano l’importanza di Terracina e la volontà di includerla nel prestigioso circuito”.