Riorganizzazione ed adeguamento, queste le parole d’ordine per rendere compatibili le riprese delle attività didattiche con l’emergenza coronavirus in atto.

In tal senso e con massime misure di sicurezza sono state riaperte le mense universitarie gestite da DiSCo, l’ente della Regione Lazio per il diritto allo studio e alla conoscenza.

“Continuiamo così – spiega l’assessore regionale alla formazione, Di Berardino – a offrire ai nostri studenti tutti i servizi utili a supporto del loro percorso universitario, oggi più che mai importanti per un ritorno alla normalità. Per garantire il distanziamento sono state adottate diverse misure: è stato potenziato il sistema take away e, in alcuni casi, è stato introdotto il servizio di  prenotazione dei piatti. Rimodulati poi gli spazi interni con una maggiore distanza tra i tavoli, ognuno dei quali ha dei divisori in plexigas tali da assicurare uno spazio totalmente dedicato per ogni singolo studente”.

Dopo l’apertura della mensa di via De Lollis e di via della Vasca Navale, il 28 settembre apriranno quelle di via Cambridge, via delle Sette Sale, via Castro Laurenziano e i punti ristoro di via Flaminia, via Libetta e di via XXIV Maggio a Latina.

Il 15 ottobre sarà invece la volta della mensa del Foro italico.