Si arricchisce di un altro contendente il novero dei pretendenti al titolo di sindaco di Terracina.

Si tratta di Gabriele Subiaco, professore, ingegnere elettronico, dirigente d’azienda, imprenditore e attivista civico, co-fondatore e responsabile scientifico del Circolo Legambiente Terracina ”Pisco Montano” e co-portavoce di Europa Verde Terracina, ovvero la lista che lo sostiene.

Il neo candidato si dice: “Onorato di accettare una sfida così importante di cui sento tutto il peso della responsabilità e delle aspettative del mio Partito italiano e europeo e della cittadinanza terracinese, soprattutto in questa fase epocale di transizione ecologica in cui è necessario un cambiamento nello stile e nelle priorità di vita, anche se sono confortato dai grandi successi che i Verdi stanno ottenendo in tutta Europa, come dimostra, da ultimo, il caso eclatante della Francia, dove i sindaci ecologisti hanno stravinto in molte importanti città”.

La lista che lo sostiene è tutta formata da persone ‘nuove’, senza precedenti trascorsi politici.

La ‘visione’ di Subiaco è per una svolta ecologista, ovviamente: “Una visione nuova di città, democratica e rispettosa di tutte le identità, trasformandola velocemente in una città ecologica, verde, moderna e resiliente, equa e solidale, aperta alle innovazioni, ricca di prospettive per i giovani, dotata di tutte le moderne infrastrutture e servizi, che metta al centro la qualità della vita e il benessere dei suoi cittadini (giovani, famiglie, anziani, disabili) e dei turisti perché diventi una meta ideale per viverci e per venirci in vacanza”.

Una ricetta che risulterebbe vincente anche a livello economico. Ancora il candidato sindaco: “Sono convinto che, oggi, nel mezzo della peggiore congiuntura socio-economica degli ultimi settant’anni, con il Pil che crolla e la disoccupazione che galoppa, l’ambiente e l’ecologia sono prospettive che rispondono concretamente ai bisogni sociali delle persone e delle comunità e le ricette per combattere l’inquinamento o scongiurare il collasso climatico sono le migliori anche per creare lavoro e per rafforzare l’economia. Insomma, la via per arrivare alla fine del mese sembra oramai essere davvero la stessa che serve per scongiurare la fine del mondo”.

Insomma, una visione diversa da quanto visto finora. Basterà a convincere i cittadini di Terracina a fare una scelta così radicale?