domenica 29 Gennaio 2023

Uiltucs: “Via la Karibu, la la Prefettura deve salvaguardare i dipendenti”

La Prefettura toglie i Cas alla Karibu e li riassegna, ma nel passaggio non ci sono salvaguardie per i dipendenti e la Uiltucs non ci sta. Il Sindacato difende la scelta delle prefettura di rimuovere i soggetti che hanno mal gestito, ma i dipendenti vanno salvaguardati.
“Apprendiamo in queste ore che la Prefettura di Latina  ha predisposto l’annullamento dei centri  CAS (Centri Accoglienza Straordinaria) affidati  Aid e Karibu e contestualmente ha  affidato ad altri soggetti la gestione dei centri, l’intervento interessa solo l’appalto gestito dalla Prefettura, sono 13 i centri sul territorio cessati e riaffidati  dall’Ufficio Territoriale del Governo, in queste ore si corre ai ripari – dichiarano dalla Uiltucs Latina – togliendo giustamente gli appalti a Karibu e Aid “MA NON SI TIENE CONTO DEI LAVORATORI ANCORA IMPIEGATI”. Ci chiamano i lavoratori dicendo che non vogliono  assumerli, i nuovi soggetti affidatari non riconoscono i lavoratori che sono in quei centri, si sta verificando in queste ore un ulteriore danno occupazionale c’e’ un cambio di gestione per le note vicende ma non si considerano i lavoratori in forza in quei centri, ancora sbagli ed aggressioni al mondo del lavoro ed a quelle maestranze che in queste ore a fronte di un cambio di gestione stanno rimanendo senza lavoro.
Abbiamo inoltrato in queste ore  al Prefetto una missiva urgente nella quale chiediamo che si sta verificando un DANNO sul DANNO, vogliamo subito confrontarci affinche’ le societa’ affidatarie di queste ore e di questi centri debbono proseguire con il personale impiegato in quei centri, alle stesse condizioni economiche e non essere messi alla porta, la Prefettura deve convocarci con urgenza Coop uscenti Aid e Karibu e societa’ subentranti, i lavoratori debbono continuare il lavoro  e non perdere  l’occupazione perche’ e’ subentrato un nuovo gestore, non ci siamo!  anche in questo caso coop uscenti e coop subentranti travolgono i lavoratori, a pagare il prezzo del lavoro sono ancora loro, I LAVORATORI   gli unici che fanno accoglienza ed integrazione, anche in questo caso come segreteria UIltucs Latina stiamo constatando che a nessuno interessa  la questione dei lavoratori, la questione delle retribuzioni non pagate ed oggi in ultimo si aggiunge la mancata ricollocazione, vogliamo continuare a lavorare ci dicono le maestranze, i nuovi soggetti affidatari non vogliono farci lavorare, come Uiltucs Latina sin dal mattino di  lunedi saremo sotto la Prefettura affinche’ questi lavoratori abbiano attenzione e continuino il proprio lavoro. Per la UIltucs il Prefetto deve convocarci ed  obbligare i nuovi affidatari affinche’ continui il lavoro di queste maestranze”.

CORRELATI

spot_img
spot_img