Avrebbero aderito al progetto LaziOn the job, per l’occupazione giovanile, ma dei 4 tirocini dichiarati non ne avrebbero svolto neanche uno.

Secondo l’accusa, però, un’azienda di Latina avrebbe intascato 100mila euro, fondi arrivati dalla Regione Lazio, ma mai finiti nelle tasche di chi avrebbe dovuto avvicinarsi così al mondo del lavoro.

Per sei anni, però, non è stato chiesto il rinvio a giudizio per gli indagati coinvolti nella vicenda e il reato di truffa è andato prescritto.

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Latina non ha potuto fare altro che dichiarare il non luogo a procedere, così come chiesto dagli avvocati Amleto Coronella e Maria Teresa Ciotti.

I fatti risalgono al 2011.

Gli indagati, a vario titolo avrebbero tratto in errore la Regione Lazio che aveva stanziato 98.580 euro.

L’Ente aveva chiesto la costituzione di parte civile.