Si è svolto ieri mattina un incontro organizzato dall’Ordine degli avvocati di Latina per discutere della situazione al collasso della Sezione Lavoro del tribunale di piazza Bruno Buozzi. L’Ordine e la Commissione problematiche della Sezione Lavoro, hanno voluto denunciare, presso il Circolo Cittadino, la grave situazione in cui versa il settore.

Durante la riunione è emersa l’esigenza che il Tribunale di Latina sia debitamente potenziato in termini di risorse economiche e strutturali, con particolare riferimento alla necessità di assicurare la integrale copertura della pianta organica dei magistrati e del personale amministrativo della Sezione Lavoro. Con due giudici è infatti comunque impossibile sostenere il carico delle cause pendenti e questo incide sui lavoratori che chiedono giustizia, spesso per un licenziamento che ha lasciato famiglie senza stipendio. Le attese per questi cittadini sono devastanti e non degne di un paese civile.

I numeri diffusi durante l’incontro rappresentano con tutta la loro forza una situazione insostenibile. I procedimenti pendenti sono 8500 e sono in crescita. Le sentenze nel 2017, ormai al termine, sono state 694, contro le 1680 del 2015. “Se non si trovano presto soluzioni adeguate – ha detto il presidente dell’Ordine degli avvocati Gianni Lauretti prima della riunione – siamo pronti a mettere in campo proteste più incisive”.