Il consigliere comunale della Lega di Latina, Vincenzo Valletta, torna a parlare di trasporto pubblico e accusa l’amministrazione di disagi per gli utenti e sperpero di denaro.

“Prosegue all’insegna delle inadempienze e di un’organizzazione fallace – ha detto Valletta – la gestione del trasporto pubblico locale a Latina. Una situazione che pesa sulle spalle dei cittadini e dei lavoratori alle prese con criticità mai irrisolte come quelle che riguardano la sicurezza, il potenziamento del servizio, tra l’altro previsto dal capitolato ma mai effettuato, il potenziamento dell’organico rinviato all’anno mai.

Per non parlare di quella riorganizzazione del servizio, sbandierata dal sindaco Coletta, dall’assessore Bellini e da Lbc, come una rivoluzione e che si è tradotto nell’ennesimo buco dell’acqua. L’importante novità, che doveva essere uno dei perni della rimodulazione del servizio, con l’integrazione dei 12 autobus turistici messi a disposizione dalla Regione per un totale di 1.100 km al giorno è stata ‘cancellata‘ proprio dalla mancanza di organizzazione e di adeguata programmazione.

Ogni giorno quei bus li vediamo aggirarsi per Latina quasi completamente vuoti. La ragione? Non sono riconoscibili. I cittadini non sono stati adeguatamente informati sulla loro presenza ed è assurdo pensare che la loro esistenza possa ridursi ad un foglio A4 attaccato al mezzo impossibile da leggere per chiunque. Il tutto con uno sperpero di denaro pubblico inaccettabile da parte di chi governa la città e dovrebbe rendere un servizio fondamentale come quello che il trasporto pubblico locale, efficiente ed efficace.

Quello che preoccupa maggiormente – ha continuato il consigliere – è che le rivendicazioni da parte dell’Ugl che hanno organizzato uno sciopero per l’8 marzo, sono sempre le stesse. Questo significa che nessun nodo è stato sciolto e che le riunioni fatte anche in commissione trasporti siano stati solo lo sfondo su cui Lbc ha innestato la solita campagna propagandistica che non si traduce mai in azioni concrete a sostegno dei comparti interessati.

Non posso che esprimere il mio totale sostegno ai lavoratori costretti, per far sentire la propria voce, a ricorrere allo sciopero. Un’amministrazione comunale seria ha il dovere di evitare i disagi e di prevenire le criticità nell’interesse sia di chi con passione, dedizione e continuità svolge tale servizio che dei cittadini. Un’amministrazione comunale degna di tale nome ha il dovere di programmare in modo rigoroso i servizi, di accertarsi che non vi siano problemi e qualora insorgessero di risolverli in modo rapido confrontandosi con i diretti interessati e recependo le migliorie che potrebbero essere apportate”.