I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 36 persone.

19 persone sono finite in carcere, sette i domiciliari, mentre altri nove indagati sono destinatari di una misura di divieto di dimora. Una persona ha l’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria.

L’indagine svolta da febbraio a giugno 2018 ha portato al sequestro di 250 grammi di cocaina, oltre 1 kg di hashish e 14 pastiglie di subxodone.

Gli indagati sono tutti ritenuti, infatti, responsabili di detenzione e spaccio di cocaina, hashish, marijuana e droghe sintetiche anche in diverse citta’ delle province di Napoli, Salerno e Messina.

Oltre 700 le condotte contestate.

Le consegne della droga avvenivano prevalentemente a domicilio.

Il cliente ordinava telefonicamente, utilizzando un limnguaggio prestabilito, utilizzando anche utenze intestate a persone inesistenti.

Alcune dosi erano destinate alle carceri di Salerno e Lanciano.

Il giro di affari ammontava a migliaia di euro al giorno. Dei 36 indagati, quattro erano gia’ detenuti e due ai domiciliari.

Le misure sono state notificate tra Torre Annunziata, Napoli, Torre del Greco, Trecase, Boscoreale, Messina, Salerno, Molinella in provincia di Bologna, Minturno, Cassino in provincia di Frosinone, e Lanciano provincia di Chieti.