Home Cronaca Touch&Go, uno degli arrestati torna a casa ai domiciliari

Touch&Go, uno degli arrestati torna a casa ai domiciliari

0
Il tribunale di Cassino

Torna a casa Danilo Armando Clemente, il 37enne di Minturno arrestato dai carabinieri di Formia oltre un anno fa nell’ambito dell’inchiesta Touch&Go.

L’uomo era detenuto presso il carcere di Rebibbia e il collegio penale del tribunale di Cassino ha concesso, su richiesta dell’avvocato Vincenzo Macari, i domiciliari.

L’operazione del luglio 2020 aveva fermato un presunto sodalizio criminale finalizzato allo spaccio di sostanze stupefacenti attivo nei territori di Scauri, Formia, Gaeta e Ponza.

Il gruppo aveva deciso di conquistare il mercato degli stupefacenti del sud pontino, arruolando a tal fine manovalanza criminale locale e creando così una fitta rete di pusher. Per assumere il controllo dell’attività di approvvigionamento e smercio di cocaina, hashish, marijuana e shaboo (metanfetamina), imponendosi sul territorio, avrebbero messo in atto aggressioni e minacce anche ricorrendo all’uso di armi e di manufatti esplosivi, sino a conquistare l’egemonia nella vendita di droghe.

Non avrebbero esitato, secondo quanto ricostruito dalle indagini – ad usare la violenza con chi si occupava dello spaccio prima di loro, con determinazione e grandi capacità, non solo a depistare le indagini, ma anche appunto a mettere da parte i criminali locali. Alcuni di questi, alla fine, hanno deciso di allearsi con i nuovi arrivati.

Dei tanti arrestati 10 sono stati già condannati in primo grado.

Exit mobile version