Anche per quest’anno, osservando tutte le prescrizioni in tema di coronavirus, torna “Ospiti del Parco”, il progetto promosso dall’Istituto Pangea Onlus e finanziato dall’Ente Parco Nazionale del Circeo.

Una iniziativa che, nel corso degli anni, ha permesso a tantissime persone di conoscere meglio e da vicino lo spettacolare territorio del Parco.

“Dopo il lockdown è forte la voglia di tornare a scoprire in libertà la natura, che potrà così continuare a istruire e stupire famiglie e visitatori – spiegano il direttore dell’Ente Parco, Paolo Cassola e il presidente dell’Istituto Pangea, Rita De Stefano – abbiamo realizzato infatti un nutrito programma di 67 appuntamenti che vogliamo chiamare esperienze, sviluppate su 16 tipologie diverse, studiate per un pubblico variegato per gusti, età e aspettative. È un’opportunità, unica e gratuita, per scoprire alcuni dei luoghi più belli e nascosti della storica area protetta nazionale nata nel 1934”.

Si comincia mercoledì 15 luglio, alle ore 19.00, con: “La luce dorata della duna”. Appuntamento Lungomare all’inizio della così detta Strada interrotta, località La Bufalara.