mercoledì 24 Luglio 2024
spot_img

Terzo posto per coro e orchestra dell’Istituto comprensivo di Sermoneta al concorso sulla Nave della Musica in Spagna

L’indirizzo musicale della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Donna Lelia Caetani di Sermoneta continua a regalare importanti soddisfazioni di respiro nazionali. In questi giorni gli studenti si sono esibiti all’interno della “Nave della Musica”, partecipando a un concorso musicale unico nel suo genere poiché svolto interamente in mare, con scuole provenienti da ogni parte d’Italia. Le esibizioni ci sono state durante la navigazione da Civitavecchia a Barcellona. Gli studenti di Sermoneta, con coro e orchestra di sessanta elementi, hanno ottenuto il terzo posto assoluto.

Gli studenti hanno portato con sé a bordo la bandiera della Città di Sermoneta donata dall’amministrazione comunale durante il concerto di presentazione dell’orchestra, esattamente un anno fa. “Una bandiera che accompagna gli studenti-musicisti in ogni trasferta e che ora è arrivata in Spagna, contribuendo a far conoscere Sermoneta all’estero riempiendo di orgoglio tutta la comunità – ha spiegato il sindaco Giuseppina Giovannoli – congratulazioni a tutti gli studenti e ai loro bravissimi insegnanti per questo ennesimo importante successo”. Ha espresso piena soddisfazione anche il dirigente scolastico dell’Istituto, Lorenzo Cuna: “Questo risultato conferma il valore del nostro indirizzo musicale e dell’importanza che la musica ha e continuerà ad avere per la nostra scuola”.
La competizione musicale Seamphony a cui hanno partecipato gli studenti di Sermoneta è stato un viaggio evento in collaborazione con Grimaldi Lines che ha visto cori e orchestre di scuole ad indirizzo musicale, confrontarsi in un festival della musica in navigazione, presieduto dal M° Simone Genuini, Direttore della JuniOrchestra, l’orchestra giovanile dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, nel ruolo di giudice della competizione. Durante la permanenza a Barcellona, l’esperienza è stata arricchita con la visita al Palau della Musica Catalana, l’unica sala da concerti che l’Unesco abbia dichiarato parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img