rifiuti Terracina

Una distesa impressionante di 1,6 tonnellate di rifiuti provenienti dal mare di Terracina, in prevalenza plastica e monouso. E’ il dato reso noto da Legambiente, nell’ambito di alcuni progetti sperimentali del “Fishing for litter made in Italy”.

In sei mesi i pescatori sono riusciti a portare a terra tutto ciò che finisce nelle loro reti. Senza multe o costi aggiuntivi, ma con l’obiettivo di contribuire al corretto smaltimento dei rifiuti. Solo nelle zone del Mar Adriatico e Mar Tirreno sono state recuperate dai fondali marini all’incirca 5 tonnellate di immondizia che spesso inconsciamente l’uomo produce.

La pesca può ricoprire un ruolo da protagonista nella pulizia del nostro mare – ha dichiarato Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – E’ una misura prevista dalla direttiva europea Marine Strategy, ma in Italia è ostacolata dalle normative vigenti e i pescatori sono costretti a ributtare in mare i rifiuti. E’ urgente l’approvazione di una legge che consenta finalmente a queste attività di potersi svolgere regolarmente.”