mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img

Terracina, Procaccini sfiduciato: la notizia della caduta del sindaco rovina la festa per la Bandiera Blu

di Giusy Cavallo – Dovrebbe essere un giorno felice oggi per Terracina e la sua amministrazione, il comune pontino è infatti vicinissimo a conquistare la Bandiera Blu. La notizia è stata data dallo stesso sindaco che ha comunicato al Consiglio comunale di essere stato invitato dal FEE a partecipare alla cerimonia del 12 maggio a Roma durante il quale verranno consegnati i vessilli.

Ma purtroppo a guastare l’atmosfera di festa arriva la notizia della caduta anticipata del Consiglio. Già ieri Procaccini aveva stigmatizzato il comportamento di Forza Italia, che stava raccogliendo firme per depositare dal notaio la sfiducia al sindaco.

Oggi la situazione è precipitata molto velocemente e il sindaco ha convocato una conferenza stampa urgente per fare delle comunicazioni. Inizialmente si pensava che il sindaco volesse dimettersi prima di farsi sfiduciare, ma invece è ufficiale che Forza Italia ha depositato le firme dal notaio.

E se dal PD non vogliono rilasciare dichiarazioni aspettando i risvolti, su Facebook l’assessore Pierpaolo Marcuzzi è molto chiaro e non lascia spazio ad interpretazioni “FONDI ORDINA E TERRACINA ESEGUE, ci vediamo alle prossime elezioni”.

“In quella che è stata forse la giornata più importante da 10 anni per la nostra città, visti i rumors molto positivi sulla possibilità di avere la bandiera blu , arriva a ciel sereno questo ennesimo tentativo di comprarsi una città. Lascio ai cittadini ogni commento” scrive invece Emilio Perroni.

FIRMANO ANCHE TRE CONSIGLIERI DI FDI – Tredici le firme per far cadere Nicola Procaccini oltre ai consiglieri di Forza Italia, Valentino Giuliani, Luciano Pecchia, Pietro Palmacci e Augusto Andrea Basile e del PD, Vincenzo Coccia, Giuseppe D’Andrea e Alessandro di Tommaso, hanno aderito anche  Vittorio Marzullo, Dario Venerelli e Roberto Palmacci. Le tre firme mancanti sono arrivate dal partito del sindaco, Fratelli d’Italia:  Umberto Di Mario, Angelo Scirocchi e Gianfranco Azzola hanno sottoscritto il documento  presso l’hotel Fiordalisoalla presenza del senatore Claudio Fazzone, di Armando Cusani e di Pino Simeone

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img