lunedì 30 Gennaio 2023

Terracina, ospedale Fiorini e ridimensionamento: versioni contrastanti tra politici e Asl

A Terracina scoppia un caso Fiorini e subito diventa tematica di campagna elettorale. Nei giorni scorsi il comitato in difesa dell’ospedale aveva denunciato il rischio di un ridimensionamento del reparto di Ortopedia. Sulla questione si era espresso anche il candidato sindaco del PD, Alessandro Di Tommaso, che aveva chiesto l’attuazione del piano aziendale e “l’individuazione del responsabile medico che deve dirigere e coordinare la UOSD di ortopedia di Terracina e si integri la dotazione organica della stessa con almeno altri due ortopedici così come era stato previsto ed autorizzato dalla Regione Lazio”.

Dall’Asl è arrivata la smentita della chiusura del reparto di ortopedia del Fiorini di Terracina ma sull’ipotesi di un ridimensionamento insiste ancora l’ex sindaco Nicola Procaccini che, insieme a Gianfranco Sciscione, terrà una conferenza stampa per parlare delle ripercussioni che il ridimensionamento avrebbe sull’intero nosocomio terracinese. Procaccini e Sciscione rivolgeranno un “appello al Commissario Straordinario del Comune, dott.ssa Ocello, affinché segua con attenzione gli sviluppi della vicenda. E non mancherà – aggiungono – il resoconto documentato di tutte le dichiarazioni fatte nell’ultimo anno da parte di quanti assicuravano che in alcun modo la declassazione della UOC di Ortopedia e Traumatologia, contenuta nell’Atto Aziendale Asl, avrebbe comportato un rischio di cessazione o di riduzione degli interventi ospedalieri”.

CORRELATI

spot_img
spot_img