giovedì 8 Dicembre 2022

Terracina, il primo atto del Commissario Ocello: garantire la parità di genere negli uffici comunali

di Redazione – Il primo atto formale del Commissario prefettizio di Terracina, Erminia Ocello, è garantire la parità di genere all’interno del Comune. Nell’ente sono impiegati, infatti, 116 uomini e 69 donne, cioè il 63% contro il 37%, e solo una donna ricopre una posizione di comando. Una situazione che non assicura quindi le pari opportunità e alla quale il viceprefetto Ocello vuole porre rimedio. Con il Piano triennale delle azioni positive 2015 – 2017 si promuoveranno “misure speciali non generali ma specifiche e ben definite, che intervengono in un determinato contesto per eliminare ogni forma di discriminazione, sia diretta sia indiretta, necessarie fintanto che si rileva una disparità di trattamento tra uomini e donne” come si legge sull’avviso.

Inoltre il piano licenziato dal Commissario ha l’obiettivo di “garantire il rispetto delle pari opportunità nelle procedure di reclutamento del personale e nelle gare pubbliche. Promuovere le pari opportunità in materia di formazione, di aggiornamento e di qualificazione professionale. Facilitare l’utilizzo di forme di flessibilità orarie finalizzate al superamento di specifiche situazioni di disagio; favorire la diversificazione delle scelte professionali delle donne in particolare attraverso l’orientamento scolastico e professionale e gli strumenti della formazione. Un Piano che ha la velleità di centrare nel medio e breve termine una reale parità di genere tra tutti coloro che lavorano per la comunità terracinese”.

TERRACINA, IL COMMISSARIO OCELLO INCANTATA DALLA CITTÀ: “MA CI SONO MOLTE COSE DA MIGLIORARE”

CORRELATI

spot_img
spot_img