canile di Aprilia

Un progetto atteso da tempo vedrà presto la luce a servizio degli amici a quattro zampe.

La giunta guidata dal sindaco, Nicola procaccii, ha infatti approvato la delibera per la variante relativa alla ristrutturazione e all’utilizzo degli spazi del canile municipale che si doterà a breve di un canile sanitario e di un canile rifugio completo di infermeria.

“La ristrutturazione e la riqualificazione del canile era un preciso impegno che – spiega l’assessore Zappone – avevo assunto e che, finalmente, giunge a compimento“.

Sono in fase di ultimazione i lavori e in pochi giorni la struttura sarà operativa.

A capienza del canile è stata ridotta a circa 110 posti, ma più confortevoli e con attrezzature e dotazioni nuove, che garantiscono la sicurezza sanitaria e la dignità degli ospiti.

Il ripristino del canile sanitario consentirà al Comune di non rivolgersi più all’esterno e di ottenere un risparmio economico.

“Oggi il canile sanitario di Terracina è in grado di accogliere amici a quattro zampe bisognosi di cure provenienti anche dai Comuni limitrofi. Il lavoro è stato complesso e lungo perché sono state coinvolte diverse amministrazioni pubbliche, Asl e Regione Lazio su tutte, con cui abbiamo lavorato in sinergia ottenendo il risultato desiderato, soprattutto per il benessere dei cani. Disporre di un canile attrezzato dovrà diventare un vanto per la città – continua Zappone – perché anche da queste cose si misura il livello di civiltà e di amor proprio di una comunità.”

Si manterrà comunque in essere la convenzione con il canile di Caserta per eventuali necessità straordinarie.

“Come sempre ci vuole un grande impegno e disponibilità economica per riuscire a concretizzare i progetti e anche questa volta ce l’abbiamo fatta. Si tratta – conclude l’assessore –  di un intervento da 46.608 euro, una cifra ragguardevole che considero un vero investimento e non una spesa. Non vogliamo fermarci e continuiamo a coltivare la speranza di riuscire a migliorare ulteriormente il nostro canile ammodernandolo con altre strutture e servizi”.