Lavori effettuati in tempi record e un pronto soccorso che si aggiungerà alla rete dei servizi di emergenza urgenza della regione Lazio.

Sono quelli destinati all’apertura del pronto soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

I lavori iniziati a febbraio 2019 sono terminati e l’apertura della nuova struttura è prevista per fine aprile di quest’anno.

Questa mattina la visita dell’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato alla nuova struttura, che si inserisce nella rete dell’Emergenza-urgenza come Dea di I livello e nelle reti tempo dipendenti (Trauma, Ictus e quella per l’Infarto e le emergenze cardiovascolari).

Il nuovo Dea è al centro di un bacino potenziale di circa 300mila residenti e si stima possa avere 45mila accessi annui.

Per l’Università Campus Bio-Medico di Roma erano presenti il presidente Felice Barela, il Direttore generale del Policlinico Paolo Sormani, il Direttore sanitario Lorenzo Sommella e il Rettore, Raffaele Calabrò.

“Una struttura moderna, accessibile e tecnologicamente avanzata che saprà mettere il paziente al centro delle cure – ha commentato l’assessore D’Amato al termine della visita – il Pronto soccorso farà riferimento alla Asl Roma 2 (1.3 milioni di residenti) integrando l’offerta nella rete dell’emergenza sul territorio”.

Il Pronto Soccorso sarà dotato di 8 posti letti di Osservazione breve intensiva (OBI) per pazienti affetti da sindromi acute bisognose di trattamento ed osservazione, e 16 in Holding Area per quelli che attendono il posto letto per il ricovero, gli spazi del Pronto Soccorso sono organizzati in base ai livelli di gravità e assicurano la massima riservatezza.

Alla visita erano presenti il direttore generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, Andrea Urbani, il direttore regionale alla programmazione sanitaria, Renato Botti, il direttore generale della Asl Roma 2, Flori Degrassi e il Direttore generale dell’A.O