venerdì 7 Ottobre 2022

Terme di Fogliano, in autunno i terreni potrebbero andare all’asta

I terreni delle terme di Fogliano andranno all’asta subito dopo l’estate.

E’ quanto emerso oggi pomeriggio nel corso della commissione consiliare congiunta bilancio-urbanistica del Comune di Latina, richiesta dai consiglieri di opposizione sulla spinosa vicenda del fallimento della società pubblica, detenuta all’85% dall’ente municipale e al 15% dalla provincia di Latina.

Sul tavolo la vicenda della proposta di concordato fallimentare promossa dal giudice Linda Vaccarella e la questione delle diverse stime dei beni della società fallita, al centro del ricorso alla Corte d’appello presentato dal Comune di Latina.

Il concordato promosso dal giudice era volto a favorire, attraverso una migliore definizione di aspetti urbanistici, una valorizzazione dei terreni di proprietà della fallita società sui quali si sarebbero dovute attivare le terme e realizzare un complesso edilizio-turistico ricettivo.

Il Comune di Latina, prima d’accordo, avrebbe poi tirato i remi in barca in attesa del giudizio della Corte d’appello.

Ma in aula la curatela fallimentare, rappresentata dalla dottoressa Maria Cristina Ciampi, ha detto a chiare note che non ha più intenzione di aspettare e che procederà alla messa all’asta dei terreni con il rischio di addivenire all’aggiudicazione, dopo tentativi andati deserti, a un prezzo molto più basso di quello di partenza, pari a 6,9 milioni di euro.

 

CORRELATI

spot_img
spot_img