sabato 1 Ottobre 2022

Tasi a Latina, per 8 famiglie su 10 sarà più cara dell’Imu. Uil Pensionati: ennesima stangata

di Redazione – La Tasi sarà l’ennesima stangata per le tasche dei cittadini di Latina, ne è convinta la Uil Pensionati provinciale che denuncia rincari dai 13 ai 286 euro rispetto all’Imu.

A Latina l’aliquota è del 3,3 per mille e anche se il Comune ha approvato una serie di detrazioni, tra l’altro proposte dall’opposizione, le quote da pagare saranno comunque superiori all’importo versato per l’Imu nel 2012.

Il sindacato ha elaborato una serie di simulazioni dalle quali si evidenzia che “su 20 famiglie residenti a Latina, con diverse rendite catastali e carichi familiari, per 16 (8 famiglie su 10), la TASI risulta più alta dell’IMU pagata nel 2012”. Inoltre, “una famiglia su 2, che grazie alle detrazioni non pagava l’IMU, adesso si troverà a pagare la TASI”.

“In sostanza – commenta Francesca Salvatore, Segretario Generale della UIL Pensionati di Latina -, dopo 2 anni di “tormentone aboliamo l’IMU” ci troviamo a pagare con la TASI quanto e più della stessa IMU 2012. Si cambiano i nomi, ma non si cambia la sostanza: anziché procedere con i tagli alla spesa improduttiva si procede con aumenti della tasse locali. E se per molti dei lavoratori e delle lavoratrici dipendenti la “stangata TASI” è attenuata dal bonus degli 80 euro, conclude Francesca Salvatore, per i pensionati ci sarà un vero e proprio salasso sul loro reddito”.

tavole_uil tavole1_uil

CORRELATI

spot_img
spot_img