venerdì 14 Giugno 2024
spot_img

Tari ridotta ad Aprilia per cittadini e attività: il consiglio comunale approva le nuove tariffe

Parole di soddisfazione, quelle espresse dal sindaco di Aprilia Lanfranco Principi al termine del consiglio comunale, durante il quale la maggioranza ha approvato le nuove tariffe Tari per l’anno 2024, che registrano una diminuzione media del 6,87% per le utenze non domestiche e del 4% per quelle domestiche.

Un segnale importante dell’amministrazione di vicinanza alle attività produttive e ai cittadini, come rimarcato durante la seduta dall’assessore alle finanze Gemma Stampatore.

“Sono molto felice di poter votare oggi questa variazione della tariffa Tari e le riduzioni medie che riguardano utenze domestiche e non domestiche. Questo atto ci consente di rispettare la promessa di non toccare le tasche dei cittadini in seguito alla sfortunata vicenda della sentenza del parco dei Mille. Ci eravamo presi l’impegno di non aumentare l’imposizione fiscale, siamo addirittura riusciti a ridurla. Un segnale importante, in controtendenza rispetto a molti altri comuni. L’intenzione è quella di proseguire su questa strada, lo faremo efficientando il servizio, diminuendo i costi e proseguendo nella lotta all’evasione fiscale”.

“Questa riduzione – ha spiegato l’assessore Stampatore – registra un dato in controtendenza rispetto ad altri comuni, che per effetto dell’inflazione si sono trovati costretti ad aumentare la tariffa del 9,60%. Siamo riusciti nell’intento di dimostrare che non serve aumentare l’imposta per efficientare il servizio. Le nuove tariffe riformulate e le conseguenti riduzioni, derivano dall’effetto congiunto di una razionalizzazione del costo del servizio, dei buoni risultati raggiunti dalla lotta all’evasione fiscale e da un aumento della base imponibile. Registriamo un aumento delle metrature tassabili, che passano per le utenze domestiche da 2 milioni 799 mq a 2 milioni 997 mila mq; per le non domestiche da 649 mila mq a 762 mila 863 mq. Pagare tutti per pagare meno, la logica che abbiamo sposato. Malgrado l’esposizione debitoria e le difficoltà che abbiamo dovuto affrontare negli ultimi mesi, abbiamo lavorato per garantire il nostro sostegno concreto alle attività produttive”.

L’amministrazione durante la seduta odierna ha approvato inoltre il regolamento per la disciplina della tassa rifiuti e della carta della qualità del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani.

“Grazie a questo strumento – ha aggiunto l’assessore Gemma Stampatore – andremo a migliorare la qualità tecnica e contrattuale del servizio”.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img