domenica 19 Settembre 2021
spot_img

Tabelloni per la propaganda elettorale, dopo l’esposto il Comune: “Lieve ritardo”

Qualche giorno fa i candidati a sindaco alle elezioni amministrative di Latina, Antonio Bottoni e Sergio Sciaudone, hanno presentato un esposto al Prefetto per denunciare quella che ritengono una violazione delle disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali.

Il Comune di Latina ha risposto ieri sera, con una lunga nota, spiegando che effettivamente ci sono stati dei ritardi “per alcuni problemi tecnico/operativi”.

“La materia relativa alla delimitazione e assegnazione degli spazi per le affissioni di propaganda elettorale – spiegano dall’amministrazione – è normata dalla legge 4 aprile 1956, n. 212, con le modifiche apportate dall’art. 1, comma 400, lettera h), della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014), che, com’è noto, ha ridotto sostanzialmente (della metà) il numero degli spazi consentiti e soppresso quelli destinati per le affissioni della cosiddetta propaganda indiretta.

Specificamente l’art. 1 della citata legge 212/56, prevede che ‘… le affissioni di stampati, giornali murali od altri e di manifesti di propaganda da parte dei partiti o gruppi politici che partecipano alla competizione elettorale con liste di candidati o nel caso di elezioni a sistema uninominale, da parte dei singoli candidati o dei partiti o dei gruppi politici cui essi appartengono, è effettuata esclusivamente negli appositi spazi a ciò destinati in ogni comune… ‘.

Con circolare n. 59/2021, il Ministero dell’Interno ha disciplinato gli adempimenti in materia di propaganda elettorale e nella parte che riguarda l’assegnazione, da parte delle giunte comunali, degli spazi individuati per detta propaganda, è testualmente citato: ‘… Le Giunte devono poi provvedere all’assegnazione di uno spazio per ciascuna lista ammessa alla competizione elettorale (o, per le elezioni suppletive della Camera, per ciascun candidato ammesso) entro due giorni dalla ricezione delle comunicazioni sulle ammissioni delle liste/candidature…’. Dello stesso tenore la circolare di recepimento della Prefettura di Latina n. 56178 del 24/08/21, in cui si parla esclusivamente di assegnazione di spazi alle sole liste”.

La Giunta Municipale deve quindi provvedere all’assegnazione di uno spazio esclusivamente destinato a ciascuna lista ammessa alla competizione entro due giorni dalla ricezione delle comunicazioni sulle ammissioni delle liste/candidature.

Di conseguenza, ogni sezione di spazio, di dimensioni 2 mt x 1, viene assegnata per le elezioni amministrative, esclusivamente alle liste ammesse alla competizione, secondo l’ordine progressivo scaturito dal sorteggio effettuato dalla competente commissione elettorale circondariale.

“Nello specifico – hanno comunicato sempre dal Comune – in data 9 settembre scorso (stesso giorno della comunicazione al sindaco delle liste ammesse) la Giunta Municipale ha assegnato gli spazi individuati alle liste in competizione. Ad oggi si stanno allestendo per la città i relativi tabelloni”.

“Siamo esattamente a metà del guado – lamenta anche il candidato a sindaco per il M5s Gianluca Bono – equidistanti dalla data di convocazione dei comizi elettorali e dalla data delle elezioni, e ancora non sono stati installati i cartelloni elettorali né tantomeno sono stati assegnati gli spazi. Un gravissimo ritardo che penalizza in modo particolare quei partiti, movimenti e liste che hanno scarse disponibilità economiche, vuoi perché non percepiscono i contributi pubblici, vuoi perché non hanno generosi finanziatori”.

CORRELATI

spot_img
spot_img