Freddo nelle scuole pontine dove le temperature sono nettamente al di sotto dei 18 gradi minimi stabiliti dalla legge.

La denuncia arriva dall’Associazione Rete studenti Lazio.

Tanti gli studenti e le studentesse che, al rientro dalle vacanze invernali continuano a segnalare, in tutto il Lazio, casi di guasti o malfunzionamento degli impianti di riscaldamento.

A Latina sono costretti a stare al gelo, con sciarpa e guanti gli studenti ed i professori, oltre al personale, dell’istituto San Benedetto di Latina e al Marconi dove i riscaldamenti continuano a non funzionare nonostante le criticità in atto siano state già segnalate da diversi mesi.

Fare lezione in queste condizioni è quasi impossibile e, purtroppo, non si tratta di casi isolati in provincia.

Le criticità sono legate prima di tutto al funzionamento dei termosifoni, alcuni dei quali spenti per il mancato spurgo, altri accesi troppo tardi ed altri ancora fuori uso per il blocco della caldaia.

Tutti elementi che, complice il netto abbassamento delle temperature di questi giorni, sta mettendo in grande difficoltà lee e sottoponendo gli studenti a tour de force di resistenza.

L’augurio è che chi deve intervenire lo faccia al più presto, in primis le istituzioni, al fine di assicurare ai ragazzi e al personale di poter trovare nelle scuole un ambiente sano ed adeguato.