venerdì 2 Dicembre 2022

Perseguita decine di donne perché gelosa del marito: assolta perché incapace di intendere e volere

E’ stata ritenuta incapace di intendere e per questo assolta la 49enne di Sabaudia accusata di una lunga serie di episodi di stalking. Non solo, la donna è responsabile anche di danneggiamento ai danni di amiche e conoscenti del marito. Tutto perché gelosa.

Il tribunale che l’ha assolta, però, la ritiene comunque comunque ‘socialmente pericolosa’ e per questo dovrà continuare a restare in regime di libertà vigilata per un altro anno presso la struttura sanitaria di Formia dove si trova ricoverata da tempo.

Ieri mattina l’ultima udienza del processo a suo carico della donna davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina Clara Trapuzzano.

Cinzia P. era stata denunciata, nel 2020, da almeno dieci donne che aveva perseguitato in vario modo (minacce e insulti sui social, ma anche danneggiamento di auto e citofono di casa), il tutto perché in qualche modo amiche o conoscenti del marito, col quale era iin corso la separazione.

Nel corso dell’ultima udienza il pubblico ministero ha chiesto l’assoluzione per incapacità di intendere e volere, come da esito di una perizia psichiatrica; il giudice ha accolto la richiesta disponendo, però, la prosecuzione della misura della libertà vigilata.

CORRELATI

spot_img
spot_img