giovedì 23 Settembre 2021
spot_img

Sperlonga km 0: Proposta di sviluppo che coniuga turismo e agricoltura

L’iniziativa promossa a Sperlonga oggi da Coldiretti Latina e Campagna Amica è di grande importanza perché, oltre a promuovere i prodotti locali, rappresentano un modello di sviluppo sano, sostenibile e attento alla tutela della biodiversità.

Il comparto agricolo di Sperlonga, fatto di imprese produttrici e dell’intero indotto, rappresenta infatti un settore fondamentale dell’economia del nostro Paese. Un settore che produce eccellenze e che garantisce lavoro, occupazione e ricchezza per dodici mesi l’anno.

“Abbiamo intenzione – annuncia il candidato sindaco Marco Toscano – di promuovere la creazione di “Sperlonga km 0”, uno spazio per favorire l’incontro costante tra produttori locali e consumatori e che permetta la vendita diretta delle eccellenze del nostro territorio”.

La proposta di “Sperlonga km 0” era stata avanzata dal gruppo consiliare lo scorso anno, al fine di sostenere il rilancio del settore agricolo, dopo la prima ondata della pandemia legata al Covid-19.

“Oggi rilanciamo quella proposta. “Sperlonga km 0” – continua Marco Toscano – vuole essere  progetto in grado di ridurre le distanze tra il comparto agricolo e il settore turistico e di avvicinare cittadini e turisti, in qualità di consumatori finali, alle ricchezze del nostro territorio.   L’obiettivo è quello di coniugare il turismo e l’agroalimentare, sostenendo entrambi i settori produttivi attraverso la valorizzazione delle eccellenze locali e la promozione di un nuovo tipo di turismo, legato ai prodotti della terra e attento all’ambiente”.

Non solo sviluppo del turismo e dell’economia. La realizzazione di uno spazio dove possano incontrarsi produttori e consumatori, infatti, rappresenterebbe, in una piccola comunità come quella di Sperlonga, anche un’importante occasione di incontro e di socialità.

“Siamo convinti – afferma il candidato sindaco Marco Toscano – che l’amministrazione comunale di Sperlonga abbia il dovere di porsi al servizio del comprato agricolo, soprattutto dopo i gravi danni provocati dalla tromba d’aria dell’ottobre 2018 sull’intero settore. A distanza di quasi 3 anni, decine di imprenditori sono ancora in attesa dei ristori a cui hanno diritto a causa della calamità naturale. Su questo siamo intervenuti e continueremo a sollecitare l’amministrazione comunale e gli enti coinvolti. Non sono ammissibili ulteriori attese e ritardi. L’amministrazione comunale ha il dovere di definire le pratiche in tempi rapidi e di sostenere concretamente gli imprenditori agricoli e le aziende del nostro territorio.”

Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img