domenica 7 Agosto 2022

Aumento degli abbonamenti per la sosta alla stazione di Minturno: l’appello delle associazioni

Con un documento a firma di Francesco Valerio, dell’Associazione Pendolari Stazione Minturno Scauri e Franco Conte, di Confconsumatori Latina, si è voluto portare all’attenzione generale quanto accadrà, da oggi, per i titolari di abbonamenti del servizio di sosta presso la stazione ferroviaria di Minturno.

Il servizio, gestito dalla Soes nel Comune di Minturno, prevede infatti aumenti del 100% per i residenti, con il raddoppio della tariffa annuale, e per gli utenti pendolari che utilizzano il parcheggio della stazione l’aumento sarà addirittura del 300% annuo.

“Un vero salasso – si legge nella nota – dopo che l’amministrazione comunale con delibera di giunta ha approvato questi aumenti, che riteniamo assolutamente ingiustificati e contribuiscono a ridurre il potere di acquisto dei cittadini.

Diciamo che di questi aumenti si poteva fare davvero a meno in tempi come questi dove i cittadini già vengono tartassati da aumenti diffusi di tutti i servizi

Ci preme sottolineare anche come i pendolari non residenti dovranno subire un aumento che porta l’abbonamento annuale della sosta da 100 euro a 400 euro per il 2022.

Questa operazione di cassa, di fatto, andrà anche a ridurre l’utenza della stazione di Minturno – Scauri, circostanza questa che denota una scarsa visione strategica della amministrazione comunale sul ruolo e sulla importanza che la stazione ferroviaria ha per il comune e per l’intero comprensorio.

In questi giorni, diffusasi la notizia degli aumenti, abbiamo come associazioni chiesto un incontro con il Sindaco proprio per rappresentare le nostre perplessità in merito l’intera operazione posta in essere.
L’amministrazione, diversamente da altre attività poste in essere ed adeguatamente pubblicizzate, in questo caso non ha sentito nemmeno il bisogno di informare l’utenza sugli aumenti deliberati e sulle motivazioni che si presume ne siano alla base.

Come dire si è cercato di far passare in sordina questa notizia quasi a non voler rovinare le feste! D’altro canto nemmeno l’opposizione consiliare ha ritenuto di sollevare la problematica o almeno di informare la cittadinanza.

Confidiamo che l’amministrazione comunale voglia rimettere mano alla questione e voglia valutare che aumenti di questa entità siano davvero inopportuni ed ingiustificati in questo momento”.

CORRELATI

spot_img
spot_img