Sonnino, sequestrata la Igeco: il Nipaf mette i sigilli all’impianto di asfalto e cemento

Igeco-Sonnino-Scalo
Sigilli alla Igeco di Sonnino Scalo

Sigilli alla Igeco di Sonnino Scalo. Il Nipaf su ordine del sostituto procuratore Luigia Spinelli ha sequestrato tutto il complesso dove si producono conglomerati bituminosi e cementizi. Recentemente i residenti avevano lamentato odori nauseabondi, collegati alla produzione dell’asfalto, che rendevano l’aria irrespirabile. Le indigini dei Carabinieri Forestali del Nipaf avevano portato alla denuncia del titolare dell’azienda.

Il sequestro di oggi evidenzia la continua attività della Procura della Repubblica per contrastare l’inquinamento atmosferico. Attività che ha portato alla chiusura e al sequestro di altre aziende come Sep a Pontinia ed ex Kyklos ad Aprilia. Si direbbe che dove si producono odori molesti, ci sia tolleranza zero.

SHARE