Solidarietà delle istituzioni a Omizzolo, Cioffredi: “Intimidazione da parte di vigliacchi”

Marco Omizzolo
Marco Omizzolo

Si susseguono in questa domenica, 10 marzo, le espressioni di solidarietà nei confronti del giornalista Marco Omizzolo, colpito da un ennesimo atto intimidatorio.

“Non e’ la prima volta – ha dichiarato il senatore Claudio Moscardelli – e questi episodi sono l’evidenza che i fatti denunciati dal giornalista colpiscono al cuore un modo inaccettabile di sfruttamento dell’uomo su l’uomo in questa provincia. Siamo vicini a lui in questo momento, la paura non deve vincere, la prepotenza non deve vincere ma deve vincere la giustizia ed i diritti che sono le ragioni per cui tutti noi facciamo politica. Con Omizzolo senza alcun distinguo le sue battaglie sono le nostre battaglie”.

“Questo gesto di sopraffazione e violenza ingiustificate – gli ha fatto eco il sindaco di Sabaudia Giada Gervasi – merita la piena condanna da parte delle Istituzioni locali e della cittadinanza tutta. Ognuno di noi, nell’esercizio della propria professione, deve essere libero e sentirsi sereno di operare senza pressioni esterne e minacce di alcun tipo. Quando vengono meno queste circostanze, viene meno anche il concetto di democrazia e del viver civile che caratterizza la nostra società”.

“Ancora un atto di intimidazione nei confronti di Marco Omizzolo – ha detto invece Gianpiero Cioffredi, presidente dell’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio – da parte di vigliacchi che evidentemente non possono tollerare che si accendano i riflettori sul caporalato e sulle agromafie nell’agro pontino”.

“Marco Omizzolo in questi anni – ha continuato – non è stato solo un lucido e rigoroso studioso e giornalista di inchieste sulla corruzione e sullo sfruttamento di immigrati sikh nelle campagne della provincia di Latina, ma anche un generoso protagonista di battaglie civili per l’ambiente, per la giustizia e per la dignità umana. Siamo fiduciosi che le Forze di Polizia e la Magistratura, che a Latina esprimono eccellenze investigative di grande livello, sapranno individuare e assicurare alla giustizia i responsabili di questa ennesima minaccia nei confronti di Marco Omizzolo”.

“Esprimo solidarietà e affetto – ha concluso Cioffredi – anche a nome della Regione Lazio nei confronti di Marco con la consapevolezza che i riconoscimenti e la stima ricevuti in queste ore da Istituzioni, sindacati, organi di informazione e associazioni rappresentino la migliore risposta alla viltà di un gesto che colpisce Omizzolo ma ferisce una intera comunità”.

“Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e il nostro appoggio – si legge infine in un nota di Magistratura democratica, appartenente alla Anm – dichiarandoci al suo fianco nel praticare il dovere civico di denuncia e di azione contro ogni sopruso e contro ogni deviazione dal rispetto dei diritti fondamentali”.

SHARE