Sgominata la banda delle autolinee, per le rapine e i furti arrestati 4 giovanissimi

Terrorizzavano studenti e giovani lavoratori che frequentavano la zona delle autolinee, in particolare nel periodo di Natale dello scorso anno. Numerose le denunce che arrivavano in questura per rapine e furti. Il gruppo è stato però identificato e nei confronti di 5 cittadini egiziani il giudice del Tribunale di Latina, Laura Campoli, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita ieri dagli agenti della questura di Latina.

I dettagli dell’operazione e delle indagini sono stati spiegati questa mattina, durante una conferenza stampa in questura, alla quale è intervenuto anche il questore Carmine Belfiore.

Il modus operandi raccontato dalle vittime era sempre lo stesso. I giovani, di età compresa tra i 19 e i 25 anni, si avvicinavano con una scusa ai ragazzi in attesa del pullman, accerchiavano la vittima, la aggredivano, e prendevano tutto quello che avevano, anche le catenine d’oro. Immediatamente sono partiti i servizi di osservazione ed è stato ricostruito un fascicolo fotografico grazie al quale Le vittime hanno potuto riconoscere in alcuni dei maggiori sospettati gli aggressori. Sono state eseguite anche perquisizioni personali e nelle abitazioni dei presunti rapinatori e controllati i telefoni cellulari.

Gli arrestati sono Moussa Ragab Farouk Mostafa, nato ad Assut (Egitto) di 21 anni; Hesham Fawuzy Mohamed Mohamed Elbahlawan, nato in Egitto, di 21 anni; Ahmed Ibrahim Elmohamdy  Elabid, nato in Egitto, 19 anni e Husam Hassan Alì Shuhata, nato in Egitto, di 24 anni. Risulta tuttora ricercato un quinto elemento irregolare sul territorio dello Stato. Uno degli indagati è stato sorpreso a Latina che è stato trasportato nel carcere di via Aspromonte. Uno ad Anzio, e si trova ora nel carcere Velletri. Uno a Livorno e un altro si era trasferito a Sulmona. Due di loro si erano allontanati dalla città dopo i primi controlli effettuati in via Romagnoli e nel quartiere, infatti da gennaio gli episodi di violenza erano andati scemando.  Dovranno rispondere a vario titolo di 5 rapine, tutte messe a segno nella zona, ma anche di furto e ricettazione perché in alcune abitazioni sono stati trovati telefoni risultati rubati.

“La prevenzione è molto importante – ha spiegato il questore Belfiore – per questo è stato rinforzato il reparto delle Volanti con nuove forze per aumentare la presenza della polizia sul territorio. Proprio alle autolinee continuerà a stazionare il camper della polizia. L’operazione di ieri è stata possibile grazie all’impegno dell’ufficio di Gabinetto, dell’ufficio Prevenzione generale e delle squadre Volante e Mobile”.

SHARE