sgomberato immobile

E’ arrivata la decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Il ricorso era stato presentato nei giorni scorsi per impedire lo sgombero nell’abitazione di Antonio Ciarelli in via Andromeda.

I giudici europei non hanno prorogato la sospensione dello sgombero, ma soltanto perché hanno appurato che i servizi sociali di Latina hanno preso in carico l’intero nucleo familiare.

Sarà il Comune ora a dover trovare una soluzione abitativa alternativa.

Definita la questione più urgente la Corte dovrà ora valutare l’equità del processo di sgombero.

Gli avvocati Gaetano Marino e Carla Bertini avevano contestato, infatti, che l’amministrazione comunale avrebbe dovuto attendere il pronunciamento del Consiglio di Stato prima di procedere a liberare la casa.