Da questa mattina sui gruppi facebook di Sezze gira una lettera, indirizzata da un gruppo di persone che si definisce “un numero sempre crescente di genitori delle classi della Scuola Primaria dell’Istituto Caio Valerio Flacco, plesso di Crocevecchia” al sindaco di Sezze, Sergio Di Raimo, ed al responsabile della Protezione Civile, Lidano Caldarozzi. La richiesta che fanno questi genitori è di prolungare il provvedimento che ha fatto rimanere chiuse le scuole del paese nelle ultime due settimane, decisione presa per arginare il crescente diffondersi in paese del virus sars coV2.

Questo il testo integrale della lettera che sta scatenando una tempesta di reazioni da parte dei favorevoli e da parte d coloro che sono contrari: “Siamo un gruppo sempre crescente di genitori delle classi della Scuola Primaria dell’Istituto Caio Valerio Flacco, plesso di Crocevecchia.

Vista ancora la situazione del nostro Paese e i continui contagi rilevati chiediamo di continuare con la sospensione della didattica in presenza.

Sicuramente far spostare genitori e bambini non tutela nessuno.

Chiediamo quindi, appellandoci al suo contributo di Primo Cittadino, la tutela dei nostri figli e delle nostre famiglie proseguendo senza indugio con la DAD.

Inoltre, abbiamo osservato con preoccupazione durante la didattica in presenza che questa situazione di quotidiana incertezza crea un profondo disorientamento nei nostri bambini, già duramente provati dal punto di vista psicologico.

Le chiediamo di stare dalla parte di noi genitori che vivono costantemente con l’ansia e la preoccupazione di ritrovarsi contagiati i propri bambini.

In attesa di un celere riscontro, le porgiamo i nostri più cordiali saluti”.