giovedì 8 Dicembre 2022

Fuoco a Sezze Scalo e a Suso: domenica rovente sui monti Lepini

Caldo e fiamme hanno reso rovente le domenica di Sezze.
Alle temperature che hanno sfiorato i 38 gradi, si sono aggiunti due roghi che hanno interessato due diverse porzioni del territorio comunale, lo Scalo e Suso.
L’incendio di maggiori dimensioni si è sviluppato a Sezze Scalo ed ha interessato un paio di ettari di vegetazione lungo la nuova 156 dalle parti del cavalcavia ferroviario.
Il rigo si è sprigionato da un’auto, un’Audi station wagon, ferma a bordo strada. Il guidatore si è reso conto che qualcosa non andava ed ha fermato il mezzo sulla banchina. Evidentemente un corto circuito, partito dal motore, ha mandato in fiamme la vettura che è stata totalmente distrutta. Un’alta colonna di fumo si è alzata dal mezzo e, a causa del vento, non ci è voluto molto perché le fiamme arrivassero al campo adiacente. Sicuramente se Anas, che è il gestore del tratto stradale, avesse seguito le prescrizioni di legge pulendo il margine della carreggiata per due metri, le cose sarebbero andate diversamente. Fatto sta che sul posto si sono portate le auto dei vigili del fuoco e della Protezione Civile Lupi dei Lepini, unitamente alle squadre della protezione civile di Roccagorga che sono riusciti ad avere la meglio sul rogo.
Quasi alla stessa ora, è andato in fiamme un orto di ulivi in località Chiesa Nuova, a Suso.
Vista la concomitanza con l’altro evento incendiario, sul posto si sono potuti portare solo i Volontari Vigilanza Ambientale che, aiutati dai residenti accorsi per l’occasione, ci hanno messo quasi due ore per avere la meglio del rogo.
Insomma, il problema della mancata manutenzione dei terreni, che siano di competenza di società pubbliche o di privati cittadini, continua a provocare disastri nel territorio di Sezze.

CORRELATI

spot_img
spot_img