cane-randagio

Il Consiglio di Stato, terza sezione, con sentenza pubblicata oggi ha accolto l’appello proposto dagli avvocati Chiara de Simone e Corrado de Simone, nell’interesse dell’impresa Animal Service che aveva gestito il servizio sino al 30 settembre 2019.

Ha trovato quindi accoglimento quanto dedotto sin dal primo grado di giudizio innanzi al Tar Latina dagli avvocati Chiara de Simone e Massimiliano Bruno

Il prezzo posto a base di gara dal bando pubblicato nell’ottobre 2018 dalla Asl di Latina è troppo basso e non consente di espletare il servizio correttamente.

“Riformando la pronuncia sfavorevole del Tar Latina – spiegano spiegano gli avvocati Chiara de Simone, Corrado de Simone e Massimiliano Bruno – che ingiustamente dichiarava inammissibile il ricorso condannando il ricorrente nelle spese di lite, il Consiglio di Stato ha annullato  il bando e condannato la Asl di Latina al rimborso  delle  spese  di lite”.

L’appalto Asl era stato affidato, a partire dal primo ottobre, ad un’azienda campana.

“Riteniamo che la pronuncia del Consiglio di Stato, della quale attendiamo la pubblicazione integrale della motivazione, rappresenti un segnale importante in un settore molto delicato degli appalti pubblici, nel quale ogni decisione sul prezzo deve – concludono gli avvocati -essere assunta nel pieno rispetto degli animali, nonché della salute e dell’incolumità  delle persone”.

La pronuncia del Consiglio di Stato, di annullamento del bando, verosimilmente travolge tutti gli atti successivi, con conseguente necessità di riaffidare il servizio ad un prezzo ben diverso e più alto rispetto a quello fissato dal bando 2018.

Il tutto al fine di garantire la corretta gestione del servizio nel rispetto degli  animali e della salute pubblica.