domenica 29 Gennaio 2023

Sermoneta, trova 140 mln di lire in giardino. Ma per la Banca d’Italia è carta straccia

di Redazione – Pensava di essere diventata ricca, una donna di Sermoneta che scavando nel giardino dei nonni ha trovato 140 milioni di lire tra contante e buoni del tesoro, ma così non è. Quei soldi sono carta straccia per la Banca d’Italia che, passati dieci anni da quando è entrato in vigore l’euro, cioè nel 2002, non è più tenuta a cambiare le vecchie lire.

Ma si tratta di una somma all’incirca di 400mila euro a cui Anna Di Pietro, questo il nome della protagonista di questa assurda storia, non vuole rinunciare. Per questo si è rivolta all’Associazione Agitalia, che ha già trattato casi simili.

La soluzione non è facile, ci sono molti casi analoghi nei quali le persone hanno dovuto poi rinunciare alle somme trovate perché in lire. Il caso adesso è in mano agli avvocati che cercano una scappatoia, ovvero che i dieci anni non siano a partire dall’entrata in vigore dell’euro ma dal ritrovamento delle somme in lire. Toccherà ai giudici deciderlo.

CORRELATI

spot_img
spot_img