Sulle vicende relative alla SEP di Pontinia il vice presidente del consiglio regionale Francesco Storace ha pronta un’interrogazione diretta all’Assessore Mauro Buschini. I miasmi, gli esiti dei controlli dell’Arpa, e l’atteggiamento della Regione, a tutto questo dovrà rispondere l’assessore all’Ambiente.

“Un impianto di compostaggio viene dichiarato ‘fuorilegge’ da Arpa Lazio e tutti quanti si aspettano la sospensione dell’attività dello stesso o quantomeno una diffida ad adempiere alle prescrizioni di legge nel più breve tempo possibile. Non è così quando si ha a che fare con il duo Zingaretti-Buschini che nella gestione dei rifiuti si avvalgono di una Direzione regionale che se non è in malafede è comunque in confusione”, così Francesco Storace.

“È assurdo che un impianto, la Sep di Pontinia, autorizzato a produrre compost e che in realtà sembra produrre rifiuti – aggiunge – non solo non sia stato fermato ma anzi sia stato premiato, nonostante l’altolà di Arpa, dalla stessa direzione regionale dei rifiuti con ulteriori 50 tonnellate al giorno di rifiuti in ingresso nel giugno scorso. Senza tener conto, inoltre, della indagine della procura, di cui si è parlato anche in commissione Ambiente alla Pisana, e delle proteste di una cittadinanza esasperata (sono colpite circa 35 mila persone) per l’aria irrespirabile durante gli sversamenti, per la presenza di acqua rossastra nei canali, bruciori agli occhi, ricorsi ai farmaci per contenere il vomito. Di questo la Giunta dovrà rispondere in Aula al mio question time mercoledì prossimo – conclude Francesco Storace – Consiglio all’assessore Buschini di preparare bene le risposte, con la salute dei cittadini non si scherza”.