domenica 5 Febbraio 2023

Sentenza Tar sui servizi sociali, le reazioni. Forza Italia: lezioni di legalità e poi sbagliano i conti

L’annullamento della deterimina di aggiudicazione della gara per l’assegnazione dei servizi sociali relativamente al lotto 1, servizi per i disabili, disposta dal Tar, sta facendo insorgere la minoranza. Intervengono da Forza Italia i consiglieri Giorgio Ialongo, Giovanna Miele e Alessandro Calvi che non esitano a parlare di “approssimazione”.

“Sul piano amministrativo quello che emerge dalla sentenza, è che la commissione che ha attribuito i punteggi e assegnato il bando ad OSA, ha seguito criteri che i giudici hanno definito illogici e immotivati. In pratica, ci spiega la sentenza, senza nessuna motivazione, si è premiata la cooperativa che ha presentato una offerta minore in ore di formazione, a scapito della Universiis che per questo ha fatto ricorso. Detto in parole più semplici: la commissione ha voluto premiare chi offriva meno servizi”, questo il giudizio di Forza Italia.

“Una beffa che si è conclusa con il ricorso al Tar che ha annullato l’aggiudicazione. E non è finita qua: per far vincere una ditta che offriva meno di altre, il Comune di Latina è andato anche incontro alla condanna di pagamento delle spese legali: un errore che pagheranno i cittadini. È evidente – concludono Ialongo, Miele e Calvi – che ci troviamo davanti a un’amministrazione sale in cattedra per fare lezioni di legalità, moralità e trasparenza, e poi si perde nei calcoli matematici. Errori che pagheranno i cittadini. E dire che l’amministrazione Coletta si vantava di aver sbrigato in modo eccellente questa gara, senza incappare in problemi, era il vanto di questa amministrazione. E invece, a noi sembra che non c’è una sola cosa fatta da questa giunta e da questa maggioranza, che vada per il verso giusto: o si arriva in ritardo o emergono comportamenti scorretti”.

Da Idea si fa sentire  Gianluca Di Cocco “Provo un rammarico profondo per le pratiche messe in campo da questa maggioranza specialmente in un settore così delicato, quale è quello delle politiche sociali. Personalmente – dice Gianluca Di Cocco – mi preme precisare che la responsabilità, in questo settore, è esclusivamente della politica. I servizi sociali e più in generale il terzo settore rappresentano uno strumento straordinario per realizzare il benessere di una comunità, per abbattere tanti muri di disuguaglianza tra i cittadini, ma la politica non deve occupare ‘militarmente’ questa area strategica. Non è nella mia cultura politica abbandonarmi a facili illazioni, ma dinamiche evidenti nell’ultima campagne elettorale così come durante i primi mesi di vita amministrativa della giunta Coletta, anche se avrei mai voluto crederlo, portano il dubbio profondo che la revoca di una gara con queste modalità nasconda l’esistenza di pericolosi legami dei quali la nostra comunità dovrebbe liberarsi”.

“Va ricordato a tutta l’opinione pubblica che l’esperta Assessora Ciccarelli pochi mesi fa, festeggiava l’aggiudicazione della gara all’insegna della legalità e trasparenza, ma ancora una volta Coletta e suoi vengono smentiti dai fatti e dalla inchieste che fino ad oggi hanno toccato questa amministrazione. Vorrei proprio sapere ora, come intendono giustificarsi? Vogliono dichiarare anche per la titolare in giunta dei servizi sociali, come per Buttarelli ‘esperto’ nel campo dell’urbanistica, che il Sindaco non poteva conoscere determinate dinamiche? Il civismo moraleggiante che nel 2016 si era presentato come paladino di legalità e trasparenza ogni giorno scricchiola più insistentemente”.

Da Gianluca Di Cocco arriva infine una richiesta di chiarimenti, “Nell’interesse di una comunità che subisce la morsa dell’immobilismo amministrativo e oggi si ritrova sulle spalle del Concerto sentenze amministrative che mettono in dubbio quanto prodotto finora dai nuovi amministratori”.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo è parte della redazione di LatinaQuotidiano dal 2014. Qui ha alimentato la sua passione per il giornalismo, l'informazione e il web. Nei suoi studi figurano una laurea in Editoria Multimediale e Nuove Professioni dell'Informazione e un master in Web & Social Media Marketing.

CORRELATI

spot_img
spot_img