martedì 6 Dicembre 2022

La fascia da sindaco della discordia e le scuse, non richieste, del primi cittadino di Maenza Sperduti

Vuole smorzare la polemica il sindaco di Maenza Claudio Sperduti, e lo fa attraverso un post affidato alla sua pagina facebook, nel quale scrive: “Lubiana Restaini nell’ambito dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) è Presidente della Consulta dei piccoli Comuni del Lazio. Le ho dato la Fascia non perché rappresentasse i maentini (pur avendo radici e forti legami famigliari) ma il Tricolore e tutti i Sindaci dei piccoli borghi. È stata una leggerezza, avrei dovuto formalizzare una delega ma per ristrettezze temporali non sono riuscito a farlo, me ne scuso con quanti si sono sentiti offesi. Mi dispiace”

Il motivo del contendere risale al due giugno, festa della Repubblica.

A qualcuno, infatti, ha dato fastidio che, in quel di Roma, la fascia tricolore del comune di Maenza non abbia sfilato indosso ad un amministratore locale, ma abbia fasciato il corpo della Restaini, che consigliere comunalo lo è, ma di Roccagorga.

La stessa presidente della Consulta dei piccoli comuni, a commento della cosa, ha detto, entusiasta, di essere: “Onorata di partecipare e rappresentare i piccoli Comuni sfilando con la fascia del Comune di Maenza che mi onoro di rappresentare insieme a tutti i piccoli Comuni del Lazio”.

A nostro modo di vedere, quindi, nulla di male. Qualcun altro, invece, ci ha visto l’onta

CORRELATI

spot_img
spot_img