scuola Cisterna isolabella

Le scuole di Cisterna continuano a far discutere. Ieri il crollo che si è verificato nel plesso Bellardini di Collina dei Pini. Poi è arrivata l’ordinanza di chiusura della scuola di Prato Cesarino. Non se la passa meglio la scuola di Via dei Rangers dove i genitori hanno scelto di lasciare i bambini a casa.

Tanto è bastato per far scattare l’ennesima polemica tra sindaco e minoranza. Duro il Movimento 5 Stelle: “Parliamo di degrado delle strutture scolastiche, con annessi disservizi e rischi per la salute che sono intollerabili. L’assessore all’istruzione avrà un gran da fare per giustificare il suo operato e i risultati inquietanti che stiamo osservando. Crediamo che sia il momento di prendersi le responsabilità che competono al ruolo e di far capire ai cittadini come stanno le cose. Se si tratti di inadempienza o se il suo stesso operato sia stato vanificato da una maggioranza più orientata a soddisfare le esigenze di pochi a scapito delle esigenze della comunità. Valuteremo la possibilità di presentare una mozione di sfiducia al prossimo consiglio comunale, nel mentre ci aspettiamo le dimissioni volontarie. Basta buoni propositi e parole, ci vuole responsabilità. L’amministrazione Carturan fa acqua da tutte le parti e le nostre scuole cadono a pezzi”, questa la nota dura di Marco Capuzzo ed  Elio Sarracino. Nel mirino non solo il sindaco Mauro Carturan ma anche il vicesindaco e assessore Federica Agostini.

Anche Andrea Santilli del PD non si risparmia: “Le scuole versano in condizioni disastrose: oltre a quanto di vergognoso è accaduto ieri nel plesso scolastico Bellardini (dimostrazione di una totale incapacità, di realizzazione e di controllo, che pagheremo due volte noi cittadini), è stata chiusa la scuola di Prato Cesarino per infiltrazioni d’acqua e stessa sorte toccherà a quella di Isola Bella. In merito a ciò, questa mattina, ho protocollato un’ interrogazione con richiesta di intervento urgente per la scuola di via dei Rangers, all’attenzione del sindaco ma soprattutto del vicesindaco che si era fatta garante, come Assessore alla scuola, dei controlli effettuati sulle strutture scolastiche, nonché del Dirigente ai Lavori Pubblici. Ho allegato alla richiesta anche le foto delle condizioni pessime di alcune aule del piano primo della struttura, in cui sono visibili le infiltrazioni provenienti dalla copertura”.

scuola cisterna“Tutto questo – prosegue Andrea Santilli – ha portato quest’oggi a far sì che i genitori della quinta elementare, quelli che si trovano nella classe messa peggio, abbiano rinunciato a portare i loro figli a scuola per motivi di sicurezza. La situazione si protrarrà nei prossimi giorni, perché ormai l’acqua è arrivata fino all’interno dei corpi illuminanti sul soffitto, con il rischio di un corto circuito”.

“Ora non ci vuole molto a capire che le scuole vanno monitorate costantemente, soprattutto considerando la vetustà di alcune strutture ed il fatto che da molti anni non siano state sottoposte ad interventi di manutenzione straordinaria. Mi auguro, per i bambini e per le insegnanti, che si ponga attenzione alla mia segnalazione e che si provveda quanto prima a riportare il tutto nella normalità, per questo terremo sott’occhio la situazione, così come quella delle altre scuole di Cisterna. A questo e non alle nomine dei Dirigenti, bisogna dare priorità, sperando che non piova ancora così copiosamente, perché il rischio è che la maggioranza accusi anche il Padre Eterno di non lasciarli lavorare”.

A tutto ciò ha risposto dal Comune di Cisterna: “Sono in corso i sopralluoghi di tecnici ed amministratori nei plessi danneggiati a causa dei fenomeni atmosferici dei giorni scorsi. Anche questa mattina la Giunta ha visitato le scuole di Prato Cesarino, Isola Bella e Cambellotti del quartiere San Valentino, plessi dove si sono verificati i danni maggiori. Insieme ai referenti degli uffici competenti, è stato stilato un programma di interventi per risolvere le criticità emerse dopo il maltempo. Uffici a lavoro anche sul crollo del muro condominiale di Collina dei Pini, struttura privata adiacente l’ingresso alla scuola Bellardini per la quale è stata predisposta un’ordinanza per il ripristino funzionale dell’area ad opera del condominio proprietario”.

“Tutta la giunta, ognuno per quanto di competenza, sta lavorando per superare questa fase di emergenza e ridurre al minimo i disagi per studenti, personale scolastico e tutti gli altri cittadini – assicura il sindaco Mauro Carturan -. Nel frattempo, i consiglieri di minoranza si contendono su social e stampa il primato di Cassandra più lungimirante. A loro dico che noi, dello stato pietoso delle scuole e del cimitero di Cisterna, ne parlavamo già in campagna elettorale. E nessuno meglio di noi sa quanto c’è da fare per ricostruire questa città devastata da anni di incuria e malgoverno. Ad esempio, il Pd e Del Prete, chiedessero conto ai loro alleati del male fatto a Cisterna in questi anni. In cinque mesi non si possono risolvere i problemi accumulati in un decennio di buio. In ogni caso, noi continuiamo a lavorare convinti che questa città abbia ancora speranza, gli altri continuassero pure a presagire sventure e a farsi sciacalli del terrore”.