lunedì 30 Gennaio 2023

Sapa, arriva Di Giorgi. E i dipendenti non si arrendono

di Redazione – Come anticipato nei giorni scorsi, anche il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi ha varcato l’ingresso della Sapa di Fossanova. Per lui, come per i sindaci che lo hanno preceduto, ora scatta il rischio di denuncia da parte dell’azienda. Intanto sono state decise altre azioni di pretesta. Il 1° agosto ci sarà una manifestazione fuori l’ambasciata norvegese, perché la Sapa ha sede in Norvegia. Nei giorni successivi si terrà un’assemblea di 33 sindaci del territorio pontino sempre all’interno dello stabilimento di Fossanova. Sarebbe certa anche la visita del governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

La Sapa è determinata a chiudere lo stabilimento di Fossanova. Questa decisione lascerebbe senza lavoro 136 dipendenti. Le trattative con sindacati e istituzioni si sono concluse senza che si giungesse a un accordo. E nei giorni scorsi sono giunte le lettere di licenziamento.

SAPA, LICENZIAMENTI PER GLI OPERAI, DENUNCE PER I SINDACI. E L’AZIENDA CANCELLA FOSSANOVA DAL SITO

SAPA, LE RAGIONI DELL’AZIENDA: RIFIUTATE LE NOSTRE PROPOSTE MA RIMANIAMO APERTI A UNA SOLUZIONE

SAPA, FALLITO ANCHE IL TAVOLO IN REGIONE: ANCORA BRACCIO DI FERRO TRA AZIENDA E SINDACATI

SAPA, MURO CONTRO MURO TRA AZIENDA E SINDACATI: NULLA DI FATTO AL MINISTERO

SAPA, STABILIMENTO CHIUSO PER ‘MANUTENZIONE’. OPERAI OCCUPANO L’AZIENDA

CORRELATI

spot_img
spot_img