lunedì 25 Ottobre 2021

Sanità, Regione e Ordini dei Medici contro gli abusivi

Un protocollo d’intesa “anti-abusivismo e anti-prestanomismo” che servirà per tutelare i pazienti da falsi medici e dai non professionisti. In tutta la Regione Lazio è stato stimato che su 50mila medici ci sono tra i sei e i settemila abusivi “imbonitori che riescono a convincere il paziente con lauree non prese o prese chissà dove” li definisce il presidente dell’ordine dei medici di Roma Roberto Lala. L’accordo è stato siglato dal governatore Zingaretti e da tutti i presidenti degli ordini provinciali, oltre a Roma, erano presenti il presidente dell’Ordine dei Medici di Latina, Giovanni Maria Righetti, di Frosinone, Fabrizio Cristofari, di Rieti, Dario Chiariaco e di Viterbo Antonio Maria Lanzetti.

Il protocollo ha valore per un triennio e impegna Regione e Ordini a creare un database verificato e controllao e a sviluppare un’applicazione informatica che possa localizzare gli studi medici ed odontoiatrici sul territorio. Addirittura si provvederà a distribuire un QR-Code in modo che con il solo smartphone sarà possibile verificare la regolarità amministrativa e professionale.

CORRELATI

spot_img
spot_img