Casa della salute

E’ stato affrontato oggi, in modo chiaro ed esaustivo, il delicato tema della sanità a Cisterna.

Un consiglio comunale straordinario, a cui hanno preso parte il sindaco Mauro Carturan, tutte le forze politiche dell’assise civica, il direttore generale dell’Asl Giorgio Casati e il presidente dell’Ordine dei medici di Latina, il dottor Giovanni Maria Righetti.

Righetti ha ripercorso le tappe che hanno portato al “Documento programmatico di sviluppo dell’offerta territoriale”, salutando con favore la realizzazione delle cosiddette Case della salute e dichiarando la disponibilità l’Ordine allo svolgimento di percorsi formativi del personale medico, così da rispondere sempre meglio alle esigenze dei pazienti e all’utilizzo delle moderne tecnologie.

La rimodulazione dei Punti di primo intervento, stando alle parole di Casati, non inciderà in modo negativo sull’operatività delle Case della salute. Ha poi chiarito che tra quelle realizzate e quelle programmate, l’Asl abbia previsto una rete di edifici dislocati nei comuni di Aprilia, Cori, Cisterna, Gaeta, Minturno, Priverno, Sabaudia e Sezze.

Certamente per Cisterna si richiederanno tempi più lunghi rispetto alle altre, trattandosi di una vera e propria edificazione e non di un adeguamento, frutto della collaborazione tra Comune, Asl e Regione Lazio. Si metterà a disposizione un terreno individuato nell’area artigianale nei pressi del Comando della Guardia di finanza che svolgerà funzioni base ed ulteriori moduli funzionali.

Al termine, si è provveduto alla deliberazione di un documento nel quale si richiede all’Asl di Latina e alla Regione Lazio l’attivazione e la realizzazione della Casa della salute. L’amministrazione comunale si impregna a monitorare lo stato di attuazione dell’opera, stabilendo già ora che entro un anno il consiglio comunale tornerà a riunirsi.