giovedì 23 Settembre 2021
spot_img

Sabaudia, in scena Gli Stupefatti con “La ressa dei conti”

Nell’ambito della rassegna teatrale “Il Parco e la Commedia”, a Sabaudia domenica 1 agosto, ore 21, la compagnia “Gli Stupefatti” porta in scena “La ressa dei conti”.

La commedia, scritta da Enrica Corradini con la regia di Gloria Luce Chinellato, entrambe anche intrepreti insieme a Monia Rosa, Emanuele Guzzardi e Riccardo Rendina, è ambientata in un silenzioso paese ai confini con la Svizzera. Qui quattro strani personaggi intrecciano la propria vita intorno alla misteriosa morte di Amir, un venditore ambulante. La baronessa Pollovicini, accompagnata da Rocco, il suo ambiguo maggiordomo, nasconde un segreto che il ragioniere Bernasconi, uomo mite ma non troppo, avrebbe certamente voluto restasse tale. E invece. Con il contributo della moglie Agnese, una medium dalle mille risorse, si ritrova al centro di un intrigo dai molti lati oscuri. Quattro personaggi, quattro segreti, quattro inganni destinati a sconfessare l’idea che “ingannare chi inganna non sia un inganno”.

Una commedia che non intende fare la morale, ma solo strappare qualche sorriso e qualche riflessione sul fatto che a teatro come nella vita non sempre vincono i buoni. Ma spesso i cattivi perdono.

La Compagnia “Gli Stupefatti” nasce da un progetto definito “di figlia in madre”. Gloria Luce Chinellato attrice e regista, ha infatti trascinato la madre, Enrica Corradini, storica dell’arte e scrittrice verso la drammaturgia. Insieme hanno messo in scena: “Non vedo l’ora” “Capodanno in giallo noir” “Il caro (E)stinto” “Se quella sera” “Cena di classe” “Lo scrutinio” e “La ressa dei conti”. Commedie brillanti che nel sorriso e qualche volta nella risata spingono alla riflessione su temi quale l’incomunicabilità, l’ipocrisia e i vizi di una società perbenista, insincera nel suo conformismo. Non solo sorrisi e risate.  Sempre insieme hanno messo in scena “Altre sfumature di donna”.  Monologhi “a più voci” nei quali viene affrontato il dramma della violenza, della disparità e dell’emarginazione.

 

Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img