Sabaudia periferie allagate

L’ondata di maltempo che ha colpito il territorio pontino ha causato disagi ai cittadini tra rami pericolanti, strade allagate e buche che, sotto la spinta delle piogge, sono diventate voragini.

Facendo seguito anche alle diverse segnalazioni pervenute l’amministrazione di Sabaudia si è attivata per far fronte alle criticità verificatesi.

In questi giorni sono stati effettuati i sopralluoghi nelle zone più esposte a partire dalla frazione di Molella, zona Sipeo, Sant’Andrea, Arciglioni e altri sono in corso.

Presente il sindaco Giada Gervasi, accompagnata dal consigliere delegato Sandro Dapit, dal referente delegato dal dirigente, Giovanni Bottoni e dal comandante della polizia locale, Alessandro Leone.

“Tale azione di presidio del territorio rappresenta la condizione essenziale per verificare in tempo reale lo stato di sicurezza dei luoghi permettendo così – spiega l’amministrazione comunale di Sabaudia – di valutare più rapidamente tutte le attività da porre in essere per assicurare l’incolumità dei residenti. Ulteriori accertamenti verranno svolti nelle aree del territorio comunale in cui le perturbazioni di questi giorni hanno causato difficoltà o situazioni di pericolo“.

L’amministrazione, parallelamente alle attività di controllo, sta predisponendo i piani di intervento nei punti individuati al fine di eliminare le problematicità riscontrate e prevenire ulteriori disagi.

I sopralluoghi sono stati e verranno effettuati anche in contraddittorio con i cittadini ed i comitati territoriali.

L’amministrazione il 4 novembre ha incontrato i rappresentanti del Comitato cittadino “Per il futuro di Molella”.