Una notizia che ha lasciato desolazione e rammarico nel cuore di chi ha conosciuto ed amato Daniele Nardi.

La targa dedicata all’alpinista scomparso durante la scalata del Nanga Parbat è scomparsa.

Si ipotizza sia stata rubata dalla cima della Semprevisa su cui era stata installata.

La denuncia arriva dal Club Alpino Italiano, per voce del presidente della sezione di Latina, Federico Cerocchi.

“Mercoledì 5 giugno – ha scritto su facebook Cerocchi – siamo riusciti a completare la dedica del sentiero 710 a Daniele Nardi. La cerimonia di inaugurazione si era svolta il 18 maggio, ma non era stato possibile collocare la targa in prossimità della cima del Semprevisa a causa del maltempo. Dopo diversi rinvii, mercoledì scorso la targa è stata posizionata. Domenica 9 giugno mi è stata segnalata la scomparsa della targa. Non credo che la sparizione sia da attribuire a qualche animale, la targa in tal caso sarebbe rimasta sul palo, magari deformata, oppure, se staccata, sarebbe rimasta in prossimità del palo”.

Si tratta di un gesto che racchiude in sè la pochezza di chi lo ha compiuto come sottolinea Cerocchi nelle sue conclusioni.

“L’atto deve quindi essere attribuito a qualche bestia bipede, le cui elucubrazioni mentali – conclude – sono di difficile interpretazione”.